10 suggerimenti di visual merchandising per aumentare le vendite negli eventi

10 suggerimenti di visual merchandising per aumentare le vendite negli eventi

Suggerimenti di visual merchandisingPer i commercianti al dettaglio, allestire un’esposizione dedicata al proprio brand in occasione di eventi locali come fiere e mercatini può essere un’occasione entusiasmante e fuori dalla solita routine, ma anche impegnativa. Ogni dettaglio dell’allestimento, dalla collocazione dell’insegna ai cartellini con i prezzi, è determinante per generare vendite. Insomma, occorre un’attenta pianificazione. Perciò oggi vogliamo fornirvi alcuni suggerimenti di visual merchandising, che troverete particolarmente utili.

Proprio come fareste per progettare l’esposizione in negozio, potrete applicare questi suggerimenti di visual merchandising nell’allestire il banco per un’esposizione o lo stand per un evento. Che si tratti di una sagra, di una fiera o di un mercatino, pensate alla vostra area espositiva come ad una mappa o alla “vista aerea” del vostro brand.

Con un minimo d’impegno e pianificazione, e applicando i nostri 10 suggerimenti di visual merchandising, potrete creare un’esposizione elegante e coinvolgente. Grazie a ciò, al vostro prossimo evento, potrete massimizzare le vendite, acquisendo nuovi clienti e potenzialmente fidelizzandoli.

1. Studiate la clientela

Prima di progettare come allestire l’esposizione della merce, considerate il contesto dell’evento. Verificate chi è l’organizzatore e quali altri venditori parteciperanno; controllate anche gli eventi che si sono tenuti gli anni precedenti nella stessa location. Ciò vi aiuterà a capire meglio l’obiettivo dell'evento; e non solo: vi aiuterà a capire chi siano i vostri clienti e il motivo della loro partecipazione.

Inoltre, esaminate tutte le foto degli eventi passati che riuscite a trovare, in modo da poter vedere alcuni dei clienti con cui interagirete. Poi ponetevi queste semplici domande, per capire meglio chi siano i clienti, perché siano interessati all’evento e cosa potete offrire loro:

  • Qual è la fascia d'età prevalente tra i clienti?
  • Quale potrebbe essere il loro reddito?
  • Per quale motivo partecipano all'evento?
  • Quali hobby o interessi hanno?

È anche possibile contattare gli organizzatori dell'evento, per richiedere alcune informazioni demografiche sui partecipanti. Talvolta, nei grandi eventi, questi dati sono accessibili ai venditori come parte del loro kit multimediale.

Fare una breve ricerca prima dell’evento per rispondere a queste domande è una questione di due diligence. Vi aiuterà a determinare con precisione il vostro target per l’evento, stabilendo in base a interessi ed esigenze del pubblico quale merce proporre nel vostro stand.

2. Ideate un tema

Individuato il segmento di pubblico a cui l'evento è destinato e i suoi bisogni e interessi, è il momento di fare brainstorming per cercare un tema adatto alla vostra esposizione.

Ma prima, ricordate uno dei più popolari suggerimenti di visual merchandising: l’esposizione deve raccontare una storia o trasmettere un messaggio visivo, proprio come un negozio o un sito web.

Un ottimo punto di partenza è scegliere un abbinamento di colori che funziona. Magari c’è già una determinata gamma di colori che regolarmente utilizzate, perché legata al vostro brand.

Per prima cosa vi viene in mente di accostare colori complementari? Non siete gli unici. Ma in realtà esistono diversi schemi cromatici tra cui scegliere. In effetti, i colori opposti possono essere fonte di distrazione, se usati in modo errato.

Schemi cromatici

Per stabilire quali gruppi di colori possano valorizzare il vostro stand, aiutatevi con la ruota dei colori e i seguenti 4 schemi cromatici:

Suggerimenti di visual merchandising | Ruota dei colori

 

Fonte immagine: Pinterest
  • Colori complementari : sono opposti gli uni agli altri sulla ruota dei colori. Questo tipo di combinazione serve a dare più vitalità a un punto focale. Esempio: viola e giallo.
  • Colori analoghi: sono uno accanto all'altro sulla ruota dei colori. Una combinazione simile aiuta a dare più calore e allegria. Esempio: blu, viola e magenta.
  • Schema di colori triadico: utilizza toni equamente distanziati nella ruota dei colori, formando un triangolo perfetto. Come avviene per le combinazioni di colori complementari, i colori triadici aggiungono vivacità; in questo caso però i colori usati per accentuare e bilanciare il primo sono due. Esempio: viola, arancione e verde.
  • Schema di colori tetradico: utilizza quattro tinte che creano un rettangolo perfetto sulla ruota dei colori. Si tratta di una combinazione di colori molto ricca. C’è un colore dominante e si crea un equilibrio tra colori freddi e caldi. Esempio: rosso, arancione, verde e blu.

Per determinare più agevolmente quale combinazione di colori usare, innanzitutto pensate a come volete che i vostri clienti si sentano guardando il vostro stand. Poi valutate se il tema cromatico prescelto si abbina bene ai colori del vostro brand e ai vostri prodotti. In questo modo, riuscirete a individuare il messaggio visivo più adatto alla vostra esposizione.

Ad esempio: se vendete prodotti naturali, un tema ispirato alla natura è perfetto come messaggio visivo. Abbellite la vostra esposizione con delle belle foglie e dei fiori freschi, nei toni del verde, blu e marrone. In una cornice di questo tipo, i prodotti saranno valorizzati e appariranno ancor più naturali.

SUGGERIMENTO PRO: Se è una soluzione adatta al vostro tema, aggiungete fiori freschi all’esposizione. È scientificamente provato che i fiori fanno sentire le persone a proprio agio e rilassate.

3. Ricercate la semplicità

Il passaggio successivo nella fase di pianificazione è quello di iniziare a mettere insieme i primi elementi dell’esposizione. Ma la cosa più importante è che tutto dovrà essere molto semplice, pulito e ordinato. Di solito ciò che è ben ordinato risulta esteticamente attraente.

Suggerimenti di visual merchandising | Esposizione della merce sul banco

Fonte immagine: Pinterest

Per i banchi e gli stand agli eventi di vendita, vale davvero la regola less is more. Un allestimento semplice e ben organizzato consentirà ai vostri articoli (e alle informazioni sui prodotti) di risaltare al massimo; e i clienti non saranno distratti dalla confusione.

Suggerimenti di visual merchandising | Esposizione stand

Fonte immagine: Pinterest

In definitiva, quel che è facile da vedere è facile da acquistare.

4. Accendete i riflettori

Le luci creano un interesse visivo e aiutano a evidenziare i punti focali dell’esposizione. Provate a utilizzare l’illuminazione d’accento per convogliare l’attenzione sui prodotti che volete non passino inosservati.

Suggerimenti di visual merchandising | Esposizione merce illuminazione d'accento

Fonte immagine: Pinterest

E se decidete di utilizzare una parete da esposizione o scaffali alti, non scordate di evidenziare anche tali aree con delle luci: gli articoli collocati più in alto sono in genere il punto focale per i clienti.

Suggerimenti di visual merchandising | Esposizione e punti focali

Fonte immagine: Pinterest

5. Ricercate l’equilibrio

Ora è importante notare che non ogni elemento può essere un punto focale dell’esposizione. Dovete essere in grado di creare un equilibrio tra gli elementi che attirano l'attenzione e quelli funzionali a valorizzare l’insieme.

Per farlo, tenete presente uno dei più comuni suggerimenti di visual merchandising: la regola del tre. Secondo questa regola occorre creare simmetria ed equilibrio, poiché gli studi dimostrano che l'occhio umano tende a considerare la simmetria più attraente.

Ad esempio, disporre tre elementi in fila con quello al centro più in alto crea un equilibrio e mette il focus sull’elemento centrale; invece, i due elementi ai lati sono funzionali a far risaltare il primo. In questo caso, l’elemento centrale dev’essere più vivace o più grande, in modo da attrarre l'attenzione su un’area chiave dell’esposizione.

Suggerimenti di visual merchandising | Regola del tre

Fonte immagine: Pinterest

Scelta dei supporti per esporre i prodotti

Dopodiché, valutate quali supporti utilizzare. Se scaffali ed espositori ampliano lo spazio per disporre i prodotti, dovete evitare di confondere il cliente presentandogli una miriade di prodotti. Quindi, utilizzate i supporti con parsimonia ed efficacia, in modo da mantenere l'equilibrio in tutto il banco o lo stand.

Ecco alcune cose da considerare per utilizzare efficacemente le installazioni nell’esposizione:

  • Installate i supporti in modo che i prodotti siano collocati nella linea visiva del cliente
  • Assicuratevi che non siano di ostacolo ai clienti
  • Utilizzate i supporti per attirare l'attenzione su prodotti specifici
  • Scegliete supporti abbinati al vostro tema, in modo che contribuiscano a rendere armoniosa la presentazione.

Collocazione dell’insegna

Infine, non dimenticate la “segnaletica”. Un’insegna mal posizionata può rovinare istantaneamente l’equilibrio dell’esposizione; quindi, la sua posizione dev’essere strategica. Assicuratevi che non alteri l’armonia dello stand, ma allo stesso tempo sia visibile da lontano.

6. Mostrate i prezzi

Sembra una cosa ovvia, ma molti venditori se ne dimenticano nell’allestire l’esposizione per un evento: i cartellini dei prezzi. Quando fate la spesa, cosa pensate se un prodotto è senza prezzo? Probabilmente, che è molto caro.

Quindi, non lasciate spazio alle supposizioni, altrimenti i clienti potrebbero pensare che il vostro prodotto sia fuori dalla loro portata.

Provate questi metodi per aggiungere i cartellini dei prezzi alla vostra merce:

  • Fai da te: realizzate da soli i cartellini dei prezzi. Non solo ridurrete le spese, ma aggiungerete anche un tocco di creatività al vostro stand. Ecco un'idea semplice: create i cartellini con del cordoncino, un timbro grazioso, una penna ed etichette per la vendita.
  • Stampanti per codici a barre: disponibili a diversi prezzi, le stampanti per codici a barre o etichettatrici offrono un approccio rapido, semplice e professionale all'aggiunta dei prezzi alle vostre merci.
  • Modelli: con una rapida ricerca su Google, troverete innumerevoli idee e modelli per i cartellini dei prezzi, stampabili anche a casa.
  • Etichette: se siete a corto di tempo o denaro, acquistate delle piccole etichette in un qualsiasi negozio di forniture per ufficio e con precisione scrivete il prezzo personalmente. Questo approccio è semplice, ma può comunque aggiungere un po’ di personalità all’esposizione.

Suggerimento pro: se utilizzate adesivi per i cartellini dei prezzi, assicuratevi che possano essere rimossi facilmente e che l'adesivo non rovini la merce.

7. Siate creativi

Tra i nostri suggerimenti di visual merchandising, c'è anche quello di divertirsi ad aggiungere un po’ di creatività al proprio stand. Questo contribuirà a catturare l’interesse dei clienti per i vostri prodotti ed entusiasmerà anche voi.

Può trattarsi anche di un qualcosa di semplice, come la luce tremolante di alcune candele, che aggiunga un po’ di dinamismo; o la presenza di un tablet che mostra un video di presentazione della vostra attività o consente ai clienti di interagire col vostro brand.

Suggerimenti di visual merchandising | Stand espositori

Fonte immagine: Pinterest

8. Pianificate la vostra esposizione

Ora è il momento di pianificare tutto e per questo dovrete creare un planogramma. Cos’è? Si tratta del diagramma che individua il posizionamento dei prodotti all’interno dello spazio di vendita, con l’obiettivo di massimizzare le vendite. È lo strumento di visual merchandising perfetto per aiutarvi a decidere come e dove mostrare i prodotti, per potenziare il messaggio visivo del vostro stand e realizzare più vendite.

Se non sapete da dove cominciare o il termine “planogramma” vi intimidisce, non temete. Molte aziende hanno ideato software facili da usare, che aiutano a creare planogrammi personalizzati. Tra questi:

La maggior parte di questi programmi ha un’interfaccia intuitiva e ben progettata per ottimizzare lo spazio e le vendite. SmartDraw e Shelf Logic offrono anche un periodo di prova gratuito.

Se non potete permettervi di acquistare un software, potete procedere come fanno in molti: con carta e penna. Una buona notizia, comunque: creare un planogramma per lo stand di un evento non è complicato. Tutto ciò che serve è una matita, un pezzo di carta, un righello e un metro.

  1. Se conoscete le dimensioni dell'area del vostro banco o stand, disegnatela su un foglio di carta, con la lunghezza indicata per ciascun lato.
  2. Posizionate fisicamente la merce che volete vendere in un’area libera che riproduca quella dello stand. Giocate con diversi tipi di disposizione, tenendo a mente il tema e i punti focali. Questo vi aiuterà anche a determinare se avete bisogno di supporti aggiuntivi, come espositori o scaffalature.
  3. Una volta arrivati alla soluzione ideale, disegnate i prodotti sul planogramma in scala, utilizzando la proporzione di 1:30 cm. E, ricordate di etichettare tutti i prodotti e di prevedere un’insegna per la vostra attività.

9. Tenete pronte delle scorte

Se seguirete questi suggerimenti di visual merchandising, sicuramente i vostri prodotti andranno a ruba. Quindi, meglio tenervi pronti a rifornire l’esposizione.

Se non portate con voi degli articoli in più per rimpiazzare man mano i prodotti venduti, c’è il rischio che il vostro stand inizi a sembrare spoglio. Secondo Angie Bell, autrice di “Retail Rebranded: 27 segreti dei leader del mercato”, lo spazio vuoto ha alcune conseguenze sgradite. “La mancanza dei prodotti disturba i clienti, che quindi tendono a rivolgersi a uno dei concorrenti per ciò di cui hanno bisogno”, afferma.

Siate preparati e riforniti di scatole aggiuntive di merce. Ricordate di tenere le scatole fuori dalla vista e in un luogo dove non creano ingombro, per non alterare l’armonia dell’esposizione e lasciare ai clienti lo spazio per muoversi liberamente.

10. Coinvolgete il pubblico

Tra i suggerimenti di visual merchandising, l’ultimo ma non meno importante: accogliete calorosamente i vostri clienti. E ricordate: non siete tenuti a restare dietro al banco. Piuttosto uscite, invitate i clienti e prendete l’iniziativa per parlare con loro.

APPROFONDIMENTI: Per ulteriori consigli di visual marketing: 10 potenti tecniche di visual merchandising spiegate dagli esperti.

Con questi suggerimenti di visual merchandising, potete aumentare le vendite negli eventi

Il visual merchandising non è utile solo ai negozi. Può esserlo anche in occasione di eventi come mercatini, sagre e fiere commerciali, a prescindere dallo spazio espositivo a disposizione.

Con questi 10 suggerimenti di visual merchandising, potete creare delle esposizioni davvero coinvolgenti, fin nei minimi dettagli.


Which method is right for you?Note sull’Autore - Giulia Greco è caporedattrice e responsabile di marketing per Shopify in Italiano. Traduttrice ed esperta di localizzazione, vive a Toronto da 15 anni e da 15 anni non beve un caffè espresso degno di questo nome. Articolo originale di Jen Hasty, tradotto da Maria Teresa Cantafora.

Inizia la tua prova gratuita di 14-giorni