Blog di Shopify

Come creare un portfolio di design perfetto

Design Portfolio: Hero

Iniziare una carriera da giovane designer è un compito arduo. Magari avete lavorato con uno o due clienti, o state cercando disperatamente di ottenere un primo contratto. Forse vorreste lavorare per un’agenzia, ma fate fatica a esprimere il vostro valore.

Qualsiasi sia la vostra situazione, avere un solido portfolio di design vi aiuterà a comunicare le vostre capacità e competenze, e vi darà la sicurezza necessaria a venderle a un potenziale cliente o datore di lavoro.

Tutti i designer di Shopify hanno dovuto iniziare da qualche parte, così oggi ci siamo rivolti a loro per farci dare qualche consiglio per chi volesse creare un portfolio di design perfetto. Ecco cosa ci hanno raccomandato:

Mettete in mostra il tipo di lavoro che volete fare

 

Design Portfolio: Aspire

Chiedetevi cosa vi interessa veramente e selezionate un lavoro che rifletta i vostri interessi. Cercate di includere nel portfolio i progetti che mettono in mostra le vostre abilità e che illustrano la tipologia di lavoro che vorreste continuare a fare. Se non avete esperienza nel campo in cui vi piacerebbe lavorare, potete includere dei progetti svolti autonomamente: è un ottimo modo per mettere in luce ciò che davvero vi appassiona.

“L’idea di inserire tutto ciò che avete creato e mostrare la vostra capacità di variare può essere allettante, ma, se non siete convinti al 100 per cento che sia un ottimo lavoro, non fatelo! Cercate di trovare la vostra voce e usate il portfolio per farla sentire. Se mostrate qualcosa a un cliente che non vi piace, il rischio è che quel cliente vi assuma per fare un lavoro che non vi piace. E può diventare un circolo vizioso”.

— Daniel Weinand, Chief Design Officer
“Vi giudicheranno in base al lavoro peggiore presente nel vostro portfolio, non al migliore. Scegliete con saggezza i vostri lavori e siate critici e selettivi su cosa includere”.
 — Verne Ho, Director of Design, Toronto

Migliorate costantemente il portfolio

 

Design Portfolio: ImproveSembrerà ovvio, ma è necessario che il proprio portfolio sia sempre aggiornato. Il portfolio è un oggetto vivente che cresce con voi. Aggiornatelo, aggiungete i nuovi progetti, perfezionate o rimuovete regolarmente i lavori vecchi.

“ABC — Avete Bisogno di Creatività. Il vostro portfolio deve essere sempre in movimento. La vostra routine lavorativa subirà dei periodi di pausa, che a volte potranno durare mesi. Se non create dei lavori il vostro portfolio se ne starà lì seduto a invecchiare”.

— James Bull, Senior Design Lead, Ottawa

 

“Un amico saggio una volta mi ha detto: ‘vali tanto quanto il tuo ultimo lavoro.’ Il vostro portfolio rappresenta le vostre abilità. Assicuratevi che sia sempre aggiornato”.

— Serena Ngai, Design Lead, Partnerships Team

Spiegate il vostro metodo

Design Portfolio: Process

Il consiglio più unanime è quello di includere il contesto, il metodo e una logica di design per ogni progetto. Fate vedere come avete lavorato e risolto i problemi. Specificate qual era il vostro ruolo. Siate critici e spiegate che cosa oggi fareste diversamente.

“I case study sono il modo migliore per mostrare il vostro lavoro. Descrivete quali sfide avete dovuto affrontare e in che modo avete trovato una soluzione. Punti extra a chi condivide wireframe, bozze e lavori in corso”.

 — Kevin Finlayson, Design Lead, Online Store Team

 

“Mostrate tutti i passaggi del vostro lavoro, come fareste durante una lezione di matematica. Mi interessa meno il risultato rispetto al modo in cui ci siete arrivati. Inserite per ogni parte del vostro portfolio un case study che analizzi tutti i passi che avete fatto per ottenere il risultato, inclusi i tentativi falliti. La cosa migliore che ho visto in un portfolio è stata un case study che includeva un post-mortem: a progetto avviato, il designer ha scomposto le varie fasi tra quelle che hanno funzionato e quelle che non hanno funzionato, spiegando come questo feedback gli sia utile per migliorare il progetto”.

— Kyle Peatt, Director of UX, Ottawa

 

“Quando guardo un lavoro, voglio capire il contesto del progetto, il metodo, chi ha collaborato, e, se si tratta di un lavoro di gruppo, qual era il vostro ruolo. Un ottimo case study sarà dieci volte più efficace di una simulazione. E non dimenticate le parole. Un portfolio senza parole è come un curriculum senza date”.

— Cynthia Savard Saucier, Director of Design, Montreal

 

“Scrivere è una parte importante di un portfolio perfetto. Un designer di successo sa come spiegare il proprio metodo. Che tipo di ricerca avete fatto e perché? Quali risultati avete ottenuto e perché? Come avete capito quando aumentare la qualità del vostro lavoro? Come avete fatto i prototipi di animazioni e transizioni? Che insidie avete incontrato durante il processo? Se volete fare una buona impressione, siate onesti”.

— James Bull, Senior Design Lead, Ottawa

Fatela semplice

Design Portfolio: Simple

Navigare all’interno del vostro portfolio deve essere semplice. Non esagerate con l’estetica. Tenete a mente che dovere mostrare il vostro lavoro, non la scenografia che ci sta intorno. Togliete tutto quello che distrae il visitatore dal vostro set di abilità o da ciò su cui avete lavorato.

“Inizia in grande. Finisci in grande. I migliori designer prestano molta attenzione all’esperienza complessiva del portfolio, aumentando il livello da “wow” a “WOW” a “Pazzesco, non ho parole!’”
— Daniel Weinand, Chief Design Officer

 

“Revisionare il lavoro di un designer non dovrebbe richiedere alcuno sforzo e la presentazione del portfolio deve basarsi sul lavoro stesso”.

— Rachel Robertson, Design Lead, Store Management Team

 

“È facile perdersi nella progettazione di un portfolio, ma a me in genere non interessa lo strumento usato per visualizzarlo. Un semplice portfolio in Behance a volte funziona meglio di un portfolio personalizzato con parallax”.

— Cynthia Savard Saucier, Director of Design, Montreal

Da non fare

Design Portfolio: DontsEvitate errori di ortografia, link che non funzionano, file flash, grafici a torta e graziosi doodle senza senso.

“Non mi piace l’infografica che mostra la quantità di pixel, caffè, giorni e capelli persi durante la creazione di un progetto. Se volete aggiungere un aneddoto divertente, sarà meglio che sia davvero divertente, non qualcosa da mostrare solo per far vedere che sapete fare i grafici a torta colorati”.

— Cynthia Savard Saucier, Director of Design, Montreal

 

“Pochi colpi di Dribbble non vi basteranno. Come faccio a sapere come sarà l’esperienza reale? Come si inserisce uno screenshot nell’ecosistema più ampio del prodotto? Dribbble è pieno zeppo di esempi di design perfetto e semplicemente non realistico. Nel mondo reale abbiamo a che fare con casi limite, dati sporchi, layer state e altro ancora. In che modo il vostro client di posta elettronica minimalista e perfettamente progettato gestirà tutto? Progettare in base all’estetica invece che alla funzionalità è da matti. Solo perché una cosa è bella non significa che funzionerà”.

—James Bull, Senior Design Lead, Ottawa

E in fine un ultimo consiglio...

Trovate dei lavori, ottenete dei feedback, migliorate il vostro lavoro, e poi ricominciate tutto daccapo.

Argomenti: