Blog di Shopify

Come creare un blog di successo e trasformarlo in un business

Come creare un blog di successo e trasformarlo in un business

Brand di ogni tipo scelgono di creare un blog aziendale per far crescere il loro pubblico. Ma sempre più spesso vediamo accadere l’inverso: blogger che decidono di diventare imprenditori sulla scia del successo ottenuto online. La cosa ha una sua logica. In effetti una delle principali sfide per le nuove aziende è conquistare il pubblico. E i blogger procedono in questa direzione: prima si costruiscono un'audience pubblicando contenuti rilevanti, poi iniziano a monetizzare il traffico.

Creare un blog è facile, se lo fate per puro divertimento. Ma se progettate di diventare blogger di professione, dovete seguire una strategia che vi permetta di guadagnare. Grazie a questa guida, scoprirete come creare un blog di successo e trasformarlo in una fonte di traffico e reddito. Gli step sono pensati per chi non ha ancora un'attività, ma anche chi è alle prese con la creazione di un blog aziendale potrà trovarli utili.

Cos’è un blog?

    Ne state leggendo uno proprio ora.

    Blog è l’abbreviazione di “web log” (letteralmente, “registro web”). In sostanza è una pagina web di contenuti che viene regolarmente arricchita e aggiornata.

    A differenza di altre pubblicazioni e articoli, i blog tendono ad avere un tono personale; per questo aiutano a creare un legame più profondo con il pubblico.

    Perché creare un blog?

      Gli obiettivi per cui potreste decidere di creare un blog sono infiniti. Ecco alcuni esempi:

      La creazione di un blog può essere davvero gratificante, specie quando dei perfetti sconosciuti si appassionano ai vostri contenuti. Ma è anche un impegno. Indipendentemente dalla frequenza con cui pubblicate (giornaliera, settimanale, mensile, ecc.) è importante che siate costanti il più possibile. Idealmente alla costanza dovrebbe unirsi l’omogeneità nello stile dei contenuti pubblicati.

      È importante che ricordiate sempre il perché avete scelto di diventare blogger. Questo vi aiuterà a restare motivati, soprattutto nelle fasi iniziali, quando potreste non vedere ancora risultati.

      Come creare un blog

        Creare un blog è abbastanza semplice. L'aspetto più difficile è trovare il tempo e le idee per pubblicare contenuti sempre nuovi.

        Per creare un blog di successo — con il potenziale per trasformarsi in un business — è necessario seguire alcuni passaggi.

        Creazione blog | Step da seguire:

        1. Decidete come monetizzare il blog
        2. Individuate la nicchia giusta
        3. Scegliete la piattaforma più adatta
        4. Scegliete il nome di dominio
        5. Create il blog e scegliete il tema
        6. Pianificate la crescita
        7. Pianificate la strategia di pubblicazione

        Abbiamo citato la monetizzazione all'inizio e il motivo è semplice: occorre pensare con la mentalità degli imprenditori (e non solo dei blogger) per ottenere un successo economico.

        “Occorre pensare con la mentalità degli imprenditori (e non solo dei blogger) per ottenere un successo economico”.

        1. Decidete come monetizzare il blog

        A seconda delle vostre passioni e dei vostri interessi potreste voler diventare food blogger, fashion blogger, travel blogger, ecc. In base a questo scegliete uno o più metodi per monetizzare il vostro blog.

        Come monetizzare un blog

          Esistono diversi modi per monetizzare un blog. Tutto dipende dal tipo di blog a cui decidete di dedicarvi.

          Di solito quando si parla di monetizzazione di un blog vengono subito in mente le inserzioni pubblicitarie (es. Google Adsense). Queste però richiedono un volume massiccio di visualizzazioni giornaliere. In realtà esistono metodi più rapidi per guadagnare con un blog, specie se riuscite a costruire un pubblico fedele, oltre che numeroso.

          Ecco alcune opzioni:

          • Vendete prodotti fisici amati da voi e dal vostro pubblico. Ad esempio, se vi appassiona la moda potete diventare fashion blogger e vendere abbigliamento in dropshipping.
          • Vendete prodotti digitali che una volta creati possono essere rivenduti infinite volte, come curriculum, foto, disegni, ecc.
          • Offrite servizi. Ad esempio: redazione testi, consulenza, design, ecc.
          • Pubblicate un libro e vendetelo come prodotto fisico o digitale.
          • Diventate affiliati di un brand e vendete i suoi prodotti in cambio di una commissione. Se siete esperti in materia, potete dedicare un blog alla creazione di siti web con Shopify ed entrare nel nostro Programma di Affiliazione.
          • Concedete benefici esclusivi ai fan con abbonamenti come quelli offerti da Patreon.
          • Fate recensioni o pubblicità ai brand in cambio di un compenso. Ad esempio, se scegliete di diventare travel blogger potreste promuovere delle strutture turistiche.

          Le opportunità per monetizzare un blog sono numerose, ma è fondamentale che siate appassionati dell’argomento su cui scrivete. In effetti la vostra principale attenzione va rivolta al pubblico più che al guadagno se volete avere successo.

          Buy Button di Shopify

          Il Buy Button di Shopify consente di monetizzare qualsiasi blog con l’inserimento di prodotti acquistabili. Non serve essere sviluppatori: basta inserire il codice di incorporamento nel punto del blog dove volete che appaia il prodotto. E la cosa migliore è che il check-out è veloce e sicuro!

          Buy Button

          2. Individuate la nicchia giusta

          Non c'è carenza di contenuti su internet ed emergere può sembrare (ed è) difficile. Per competere esistono due modi:

            1. Rivolgervi a un pubblico specifico
            2. Creare contenuti difficilmente reperibili altrove

          Ecco alcune soluzioni per scegliere una nicchia:

          • Focalizzatevi su un luogo specifico (es. Milano)
          • Concentratevi su un segmento specifico all'interno di una categoria più ampia (es. ricette vegane)
          • Create contenuti con uno stile o una voce particolare (es. humor)
          • Puntate sulla qualità (es. articoli approfonditi su un certo argomento, con notizie inedite)

          BlogTO ad esempio tratta una vasta gamma di argomenti di lifestyle, ma si concentra specificamente sulla eterogenea città di Toronto.

          Toronto Blog
          BlogTO: esempio creazione blog di nicchia

          La nicchia che scegliete è determinante. Dovete selezionare un pubblico a cui siete in grado di proporre contenuti originali in modo costante. Inoltre la vostra scelta condizionerà le modalità di monetizzazione del blog. Valutate quali prodotti o servizi potreste vendere al pubblico prescelto. E accertatevi di avere nozioni e interesse a sufficienza sull'argomento che volete trattare.

          Una volta che avrete alcune idee di nicchie, utilizzate Google per cercare i vostri concorrenti. Usate Buzzsumo per verificare le performance dei contenuti sull’argomento prescelto e capire quali canali funzionano meglio per la loro diffusione.

          3. Scegliete la piattaforma più adatta

          È qui che molti aspiranti blogger restano bloccati. Non sanno su quale piattaforma di blogging investire tempo e denaro.

          Esistono due possibilità:

          • Piattaforme self-hosted. Generalmente questa opzione offre maggiori possibilità di personalizzazione, richiede di pagare un canone mensile per l’hosting e una certa configurazione iniziale (es. Wordpress.org).
          • Piattaforme ospitate. Queste piattaforme consentono di iniziare subito e in alcuni casi offrono un pubblico integrato. Blogger e Wordpress.com (alternativa ospitata a Wordpress.org) sono gratuite, mentre altre sono a pagamento.

          Per scegliere la piattaforma più adatta a voi pensate al futuro e alle modalità di monetizzazione del blog che avete in mente. Alcune piattaforme possono non offrirvi tutto il necessario, mentre altre possono darvi anche più di quanto vi occorre.

          Come creare un blog gratis

          Alcuni blogger optano per piattaforme ospitate gratuite come Medium e Tumblr perché danno accesso a una community attiva di blogger e lettori. In realtà, potete ripubblicare su queste piattaforme per sfruttare il loro pubblico e non dovete necessariamente costruire qui il vostro blog principale.

          Prova gratuita su Shopify

          Shopify è una piattaforma ospitata che include sia un sito di ecommerce che una piattaforma di blogging, oltre a centinaia di app che potete aggiungere man mano. È l’ideale se volete iniziare subito a vendere prodotti o servizi fisici/digitali. Potete iniziare oggi stesso la vostra prova gratuita di 14 giorni.

          4. Scegliete il nome di dominio

          Una volta scelta la piattaforma, è tempo di acquistare un nome di dominio (tuoblog.com) e selezionare un tema, che determina l’aspetto e il layout del vostro blog.

          Il momento in cui acquistate un dominio è quello giusto per pensare a come chiamerete il vostro sito/blog. Scegliete un nome che suoni bene, facile da ricordare, da digitare e che non sia già stato preso da un altro brand.

          Salvo se non volete costruire un brand personale o un sito portfolio, meglio non usare il vostro nome come dominio. Potete essere il volto del vostro blog anche se il vostro nome non è nell'URL. Ed è molto più facile creare un brand famoso partendo da un nome creativo, che rifletta l'identità del vostro blog. Per aggiungere un po' di personalità, procuratevi un logo fatto su Fiverr. O usate Hatchful, la nostra app gratuita per la creazione di loghi (disponibile anche su iOS).

          Come trovare il nome giusto

          Il nome giusto non vi viene subito in mente? Niente paura. Utilizzate il generatore di nomi per aziende: uno strumento gratuito di Shopify.

          5. Create il blog e scegliete il tema

          Una volta scelti piattaforma e nome di dominio, dovrete selezionare il tema più adatto e creare il blog.

          Il tema è il modello su cui si basano il layout, l’aspetto e le funzionalità del sito. Sono disponibili moltissimi temi gratuiti, qualunque sia la piattaforma prescelta. Ma se i temi gratuiti non vi soddisfano, considerate l’acquisto di un tema premium. Anche perché il tema avrà un grande impatto sull'esperienza complessiva degli utenti sul vostro sito web.

          Se avete iniziato la vostra prova gratuita su Shopify, potete scegliere un tema dal Theme Store di Shopify. Qui i temi sono suddivisi per settore, così sarete agevolati nella scelta. Ad esempio, se avete deciso di diventare fashion blogger e vendere abbigliamento, selezionate la categoria “Clothing & Fashion”.

          Tema Prestige su Theme Store di Shopify
          Tema Prestige su Theme Store di Shopify

          Creare un blog su Shopify

          La creazione di un blog su Shopify è semplice. Basta aggiungere il blog dall’apposita funzione nel pannello di controllo (Negozio online > Articoli del blog > Gestisci blog > Aggiungi blog) e inserire i contenuti.

          Vai al Manuale

          6. Pianificate la crescita

          Molti pensano a come incrementare il pubblico solo dopo aver iniziato a pubblicare dei contenuti. Del resto è già molto impegnativo creare dei contenuti, figuriamoci pensare anche alla loro diffusione.

          Ma se puntate a una crescita rapida dovreste pianificare in anticipo la vostra strategia di diffusione dei contenuti, integrandola nel processo di pubblicazione.

          Ecco alcuni metodi per pianificare la crescita e ottenere il massimo da ogni vostro post.

          Iniziate subito a raccogliere le email

          A prescindere dalla piattaforma che avete scelto per il vostro blog, dovreste concentrarvi sull'acquisizione di iscritti alla vostra mailing list. Ogni nuovo iscritto dimostra che state lavorando nella direzione giusta e potenzialmente rappresenta un lettore abituale che potete facilmente raggiungere.

          Anche se in futuro doveste cambiare piattaforma o dedicarvi ad altre iniziative, la mailing list rimarrà vostra.

          Ma creare una semplice lista di iscritti non è abbastanza. Continuate a raccogliere le email con un modulo di iscrizione in ogni occasione possibile.

          Una buona abitudine è integrare i moduli di iscrizione direttamente nei contenuti con una call to action per iscriversi, come quella che vedete infondo a questo blog.

          Molte soluzioni di email marketing vi permettono di creare e utilizzare facilmente questi moduli. Potete anche generare un link che indirizzi a una pagina di iscrizione separata, da utilizzare nei blog post, nei social media e nella firma delle email.

          Ricordate che gli utenti non si iscriveranno al vostro blog se non chiedete loro di farlo e se non rendete facile il processo di iscrizione.

          Ogni volta che pubblicate un articolo, inviatelo per email alla vostra mailing list. Idealmente dovreste automatizzare questo processo (potete lavorarci su una volta che ingranate con il blog).

          Cercate delle opportunità per ottenere traffico dai motori di ricerca

          Attraverso la ricerca delle parole chiave, potete farvi un'idea del volume di ricerca per particolari termini o frasi relativi alla vostra nicchia. Maggiore è il volume, più è ricercato un argomento, più alto è il traffico che potete ottenere a lungo termine.

          La cosa migliore è installare l'estensione di Chrome Keywords Everywhere e iniziare a cercare immedesimandovi nel pubblico, per trovare idee di contenuti interessanti. Le domande che iniziano con “come...” o “migliori...” sono un ottimo punto di partenza.

          Creazione di un blog

          Anche se non doveste riuscire a posizionarvi in prima pagina sui motori di ricerca con queste query, comunque otterrete delle idee sui contenuti effettivamente richiesti dagli utenti. Se volete puntare più in alto, documentatevi sulla SEO.

          Impostate la vostra strategia per i social media

          A prima vista potrebbe sembrarvi una mossa intelligente essere presenti su ogni singola piattaforma di social media. Ma le cose non sarebbero semplici da gestire: non sempre questa è la strategia migliore.

          Concentratevi invece sui canali dove si intrattiene maggiormente il vostro pubblico. A seconda della vostra nicchia e delle vostre risorse, per voi può essere opportuno scegliere canali specifici.

          Ad esempio, una pagina Facebook è una buona risorsa per blogger che siano disposti a investire per promuovere i propri contenuti. D'altra parte, un food blogger attento ai costi probabilmente sarà in grado di ottenere un coinvolgimento gratuito molto più su Pinterest e Instagram che su Twitter.

          E non trascurate i vostri contatti personali: amici e familiari sono un ottimo pubblico con cui iniziare.

          Riassumete, riutilizzate e rivisitate i vostri contenuti

          Non potete pubblicare ogni giorno lunghi articoli con contenuti inediti. Un buon blogger sa come riutilizzare il propri contenuti per sfruttarli al massimo.

          Quindi, ecco alcune idee da tenere a mente man mano che andate avanti:

          • Create dei "microcontenuti" per i social media da post esistenti con strumenti come Canva.
          • Pubblicate il riepilogo di articoli precedenti sullo stesso argomento (es. “I nostri migliori articoli del 2018”).
          • Ricreate gli articoli del blog sotto forma di contenuti di altro genere, come infografiche o quiz.
          • Ripubblicate regolarmente i vostri contenuti su nuove piattaforme con un pubblico integrato come Medium, LinkedIn o Tumblr per ottenere subito una maggiore esposizione, aggiungendo in cima un link al post originale (“Originariamente pubblicato su tuoblog.com”) in modo da aumentare le vostre probabilità di ottenere traffico sul vostro sito.
          • Di tanto in tanto aggiornate e ripubblicate i vecchi contenuti dopo che è passato un po’ di tempo dalla loro pubblicazione, in modo da proporli ai lettori che li hanno persi la prima volta. Questo funziona benissimo con i contenuti stagionali (es. “10 idee semplici per il costume di Halloween”).
          • Considerate di accettare guest post una volta che iniziate ad avere un seguito. I guest blogger probabilmente condivideranno i contenuti anche con il loro pubblico.
          • Aggiungete link ai contenuti correlati nel testo e alla fine di ogni post. (Se usate Shopify, installate l'app gratuita Related Blog Posts).

          Il tempo è denaro: se siete blogger di professione, dovete continuamente ottimizzare i vostri sforzi.

          Comprendete i dati analitici per capire il vostro pubblico

          Le migliori opportunità sono nascoste nei dati.

          A seconda della piattaforma che scegliete, disporrete di metriche diverse da esaminare; ma avrete comunque a disposizione almeno il numero di visualizzazioni e la provenienza dei visitatori, il che vi dirà molto sulle vostre performance.

          Se vi prendete il tempo necessario per impostare Google Analytics sul vostro sito (è gratuito), avrete informazioni più approfondite; ad esempio il tempo medio di lettura dei post, la qualità dei lettori provenienti da fonti diverse e persino il numero di lettori in tempo reale.

          Come creare un blog di successo

          I dati possono essere utilizzati anche come incentivo per i guest blogger. La capacità di dimostrare quanto traffico generate è una risorsa enorme che rende altri più propensi a voler lavorare con voi ottenendo l'accesso al vostro pubblico.

          7. Pianificate la strategia di pubblicazione

          Ogni blogger ha sempre bisogno di nuove idee e materiali. Pianificando in anticipo, potete assicurarvi di non rimanere mai sprovvisti di post da pubblicare.

          Vi consigliamo vivamente di creare un calendario dei contenuti in modo da tenere traccia delle vostre idee.

          Potete usare un semplice foglio di calcolo per pianificare il calendario dei contenuti. Ma Trello è preferibile: è gratuito ed anche un ottimo posto per annotare le idee e organizzarle.

          Come creare un blog - Pianificazione con Trello

          Pensare al vostro mix di contenuti è importante, anche per avere un'idea della portata del vostro blog e di quali categorie e tag potreste usare per organizzare il tutto man mano che aggiungete nuovi contenuti.

          Un buon mix include:

          • Contenuti sempre attuali che rispondono a domande, ricerche o problemi che le persone cercano regolarmente su Google.
          • Argomenti di attualità che interessano al pubblico.
          • Selezione di contenuti di terzi, meno impegnativa da elaborare, comunque vi aiuta a mantenere coinvolto il pubblico.
          • Presentazione di contenuti di utenti o aziende che potrebbero condividerli con il loro pubblico (es. interviste, recensioni, ecc.)
          • Contenuti visivi o interattivi almeno occasionalmente, per aggiungere un po' di varietà al vostro blog (es. infografiche, quiz, meme, ecc.).

          Cercate di pianificare i vostri blog post con almeno un mese di anticipo e di pubblicare con una certa uniformità. Così il pubblico saprà ogni quanto aspettarsi nuovi contenuti.

          Tenete a mente che il vostro pubblico non crescerà dal giorno alla notte. Sperimenterete successi e insuccessi, ma dovete andare avanti per continuare a crescere.

          Centralità del pubblico

            Indipendentemente dalle scelte che fate per il vostro blog, è il pubblico che ne determina il potenziale a livello commerciale. Concentratevi sulla crescita del vostro pubblico pubblicando con regolarità e vedrete crescere anche il vostro traffico.

            Creare un blog non è solo divertente e appagante. È anche una delle tante strade verso l'imprenditorialità. Se gestite il vostro blog con una mentalità imprenditoriale e siete ambiziosi, riuscirete sicuramente a costruire un pubblico di valore, in grado di sostenere la crescita della vostra attività nel tempo.


            Vuoi monetizzare il tuo blog con un negozio online? Inizia la tua prova gratuita di 14 giorni su Shopify. Non serve la carta di credito.


            Articolo originale di Braveen Kumar, tradotto da Maria Teresa Cantafora.

             

            Argomenti: