Come promuovere la vostra arte online: canali, strategie e consigli.

Come promuovere la vostra arte online: canali, strategie e consigli.

Come promuovere la vostra arte onlineNel 2017 gli acquisti online di opere d’arte sono cresciuti del 12% e il futuro di questo mercato è garantito.

Lo dice la compagnia internazionale di assicurazione Hiscox nel suo ultimo report sul commercio elettronico di arte.

Ma prima di pensare a come vendere, artisti che state leggendo, dovete imparare a farvi conoscere e a promuovere la vostra arte online.

Come? Cominciamo con i fondamentali.

Canali online per artisti in cerca di esposizione

Nel marketing online, c’è un luogo da cui tutto parte e poi torna: il sito web. Immaginatelo come una casa, il cuore di tutte le vostre attività, il posto in cui volete attrarre i vostri estimatori che un giorno magari si trasformeranno in compratori.

Sul vostro sito non può mancare il portfolio delle opere. Scegliete con cura quali mostrare, catalogatele secondo filoni narrativi, tecniche o materiali: guidate i visitatori attraverso percorsi ben studiati.

Usate il blog per farvi conoscere. Scrivete di temi cari agli appassionati del vostro genere, condividete consigli e ispirazioni, parlate della vostra attrezzatura. Se non sapete da dove cominciare, non perdetevi d’animo: abbiamo per voi un bell’articolo sul blogging.

Quando avrete preso la mano con il vostro blog, pensate a proporre vostri articoli anche ad altri siti. Quali? Potete cominciare con ArtTribune, Finestre sull’arte e The Art Post. Per altre idee rivolgetevi a Google: non c’è quasi niente che lì non si possa trovare.

E adesso arriviamo ai social media - perché lo so che è da un po’ che vi state chiedendo quando ne avrei parlato.

Cominciamo dal più scontato: Facebook. È importante che ci siate, meglio se con una pagina che con un profilo, perché darete modo alle persone di trovarvi e avrete a disposizione un bel set di strumenti di marketing.

Cercate anche gruppi di artisti e appassionati nei quali possiate stringere relazioni professionali e personali.

Poi c’è Instagram , il più amato dai compratori d’arte che — sempre secondo il report di Hiscox — lo usano per scoprire nuovi pezzi da acquistare e seguire gli artisti.

E da quando i post shoppable sono disponibili in Italia è diventato molto semplice anche vendere la propria arte su Instagram.

Tra i social media visivi valutate anche Pinterest e YouTube, il primo può aiutarvi a portare visitatori sul vostro sito e il secondo a farvi conoscere.

Usate anche Quora e rispondete alle domande sull’arte e altri campi di vostra competenza, vi aiuterà a farvi un nome.

promuoversi come artisti su Quora

Ricordatevi sempre che il vostro sito è il fulcro e gli altri canali servono a portare gente lì, perché sulle piattaforme altrui non siete a casa vostra e dovete seguire le regole di chi vi ospita. Per esempio, le nudità potrebbero essere poco gradite e dunque vi verrebbero censurate.

E poi il sito è sempre lì, ordinato, aggiornato e consultabile in qualsiasi momento, mentre i post sui canali social sono legati al momento presente perché scorrono via in un flusso continuo e veloce.

Sì, ma sui social cosa pubblichiamo?

Promuovere l’arte sui social media con contenuti ad hoc

L’arte, come il vino, è un prodotto emozionale e a volta è difficile suscitare un moto d’animo attraverso lo schermo di un computer o di un cellulare. Per questo dovete avvicinarvi il più possibile ai vostri estimatori.

Fateli entrare nel vostro mondo condividendo con loro

  • il vostro spazio di lavoro;
  • voi stessi all’opera o in altre situazioni;
  • il vostro processo di creazione, dai primi schizzi al risultato finale;
  • video della realizzazione dell’opera - quelli in time lapse sono perfetti per Instagram e Facebook.

Fotografate le vostre opere in maniera impeccabile, in modo da farne risaltare i colori.

Se avete già venduto dei pezzi, fotografateli nella loro nuova collocazione, oppure ambientateli a casa vostra: è bello vedere l’effetto che fanno in una situazione reale.

 

Su Instagram sfruttate gli hashtag per farvi trovare. Immaginate che siano parole chiave che le persone usano per cercare qualcosa e quindi scegliete solo quelli attinenti all’immagine e allo scopo.

Non sapete quali usare? Guardate quelli che pubblicano artisti con contenuti simili ai vostri.

Anche attraverso le Instagram Stories, come con gli hashtag, potete essere scoperti da persone che non vi seguono, perciò perché non pubblicarne qualcuna ogni tanto?

Su YouTube pubblicate video in cui insegnate tecniche e trucchi del mestiere e parlate di prodotti e materiali: tutorial e recensioni vanno per la maggiore.

Su Pinterest cercate o create bacheche di gruppo: lavorare in comunità in fondo è il senso dei social network. Lo ha ribadito anche Facebook lo scorso gennaio: quello che conta sono le interazioni e le conversazioni di qualità.

I social media non sono uno strumento per la filodiffusione, perciò non sparate a raffica i vostri contenuti dimenticandovi di tutto il resto. Unitevi ai gruppi, partecipate alle discussioni, chiacchierate, divertitevi. Socializzate, insomma.

Ma non di soli social media vive la promozione dell’arte, giusto?

Piattaforme specializzate per far conoscere le vostre opere

Esistono infiniti portali dedicati all’arte in cui potete creare un account e avere una vostra pagina. La maggior parte sono internazionali ma vantano una grande presenza di utenti italiani. Ve ne elenco alcuni.

I portfolio che diventano network - anche per questi vale la regola della socializzazione:

  • Behance, per grafici, fotografi, illustratori e altri artisti;
  • Deviantart, sito storico e ancora molto frequentato;
  • Flickr e 500px, per fotografi;
  • Dantebus, social network per artisti tutto italiano;
  • WetCanvas, perché — sì — i forum sono ancora utili.

promuovere arte su Behance

Le gallerie online e i marketplace di arte:

Un paio di idee fuori dagli schemi:

  • siti di immagini senza copyright come Unsplash, Pexels e Burst, per farvi conoscere come fotografi;
  • Artoteca, una biblioteca italiana di quadri che consente alle persone di prendere in prestito opere d’arte per 90 giorni.

pagina artista su Burst

Canali social e piattaforme a parte, ci sono un po’ di cose che è bene tenere sempre a mente per sfruttare al meglio le potenzialità del web.

6 consigli per muovervi bene online come i vostri pennelli sulla tela

Lo schermo conta…

Le persone che navigano su internet da telefono e tablet sono sempre di più. Per questo è fondamentale che il vostro sito sia godibile anche da quei dispositivi.

… E anche la prima impressione

Sul vostro sito o sulle piattaforme specializzate il portfolio in genere è organizzato in sezioni e ciascuna ha la sua immagine di anteprima su cui cliccare per poi guardare il resto. Da quell’immagine dipende tutto: è lei che invoglierà o meno il visitatore a sfogliare le altre, perciò sceglietela con grande cura.

Senza contesto non si va lontani

Le didascalie sono importanti. Attraverso di loro potete raccontare ai visitatori il vostro intento, le ispirazioni, le suggestioni. Non siate avari di parole: presentate bene i vostri progetti.

Guardarsi intorno fa bene

Date un’occhiata a quello che fanno i vostri colleghi. Guardate siti e account social per trovare idee interessanti da rimodellare su di voi.

Uscire dallo studio per aprirsi a nuove esperienze

Collaborate con altri artisti, magari di generi diversi. Partecipate a un video musicale mentre fate live-painting oppure prestate una vostra opera per un set fotografico.

Sperimentate

Questa è una cosa che già sapete fare - siete artisti, diamine! Fatelo anche online. Provate e scoprite quello che piace a voi e quello che piace ai vostri estimatori.

come promuovere arte online

Usate internet come la vostra materia da plasmare. Giocateci e divertitevi. Intessete relazioni. Partecipate. Siate presenti per gli altri artisti. È questo il modo giusto per farvi conoscere e promuovervi.

 

Giada CentofantiNote sull’AutoreGiada Centofanti è una business writer con il pallino del web. Aiuta professionisti e aziende a far crescere la propria attività raccontando le loro storie e creando contenuti coinvolgenti, informativi e utili per il il loro target di riferimento.

Inizia la tua prova gratuita di 14-giorni