Blog di Shopify

Comparatori prezzi: i migliori motori di ricerca prezzi per ecommerce

I migliori comparatori prezzi per ecommerce

Avete aperto il vostro negozio online, lanciato i canali social e preparato i prodotti da mettere in evidenza? Ora è arrivato il momento di attirare acquirenti sul vostro negozio e iniziare a vendere. Per farlo, esistono molti canali di vendita con cui raggiungere nuovi clienti: tra questi, i comparatori di prezzi sono particolarmente efficaci e vi consentono di ampliare il vostro pubblico con una spesa molto bassa e facilmente gestibile.

In questo articolo, vi spieghiamo cosa sono i comparatori di prezzi, come vendere i vostri prodotti su questi siti e quale motore di ricerca prezzi scegliere per aumentare il traffico sul vostro ecommerce. Cominciamo!

Indice


  1. Cos’è un comparatore di prezzi?
  2. Come funziona un comparatore di prezzi?
  3. Quanto costa vendere su un comparatore di prezzi?
  4. Quale comparatore di prezzo scegliere?

Cos’è un comparatore di prezzi?

Un comparatore di prezzi è uno strumento che permette agli utenti di confrontare prezzi o tariffe applicati da aziende diverse per qualsiasi tipo di prodotto o servizio. Oltre al prezzo di listino, il comparatore di prezzi generalmente offre agli acquirenti la possibilità di visualizzare in anteprima eventuali dettagli o costi aggiuntivi, come spese di spedizione o varianti di prodotto. Il sito di confronto prezzi si limita a mostrare gli annunci di prodotto: quando l’utente ci clicca sopra, viene reindirizzato sul sito web del venditore dove conclude la transazione.

Come funziona un comparatore di prezzi?

I siti di confronto prezzi sono particolarmente efficaci per aumentare la visibilità del vostro negozio e incentivare le vendite. I clienti che cercano un determinato prodotto su un comparatore di prezzi, infatti, hanno già deciso di effettuare l’acquisto e stanno cercando il negozio che offre il miglior rapporto qualità prezzo: per conquistare la vendita, il vostro obiettivo sarà quello di apparire tra i primi risultati di ricerca sfruttando le parole chiave giuste e offrire un prezzo che convinca il cliente a concludere l’acquisto.

Quanto costa vendere su un comparatore di prezzi?

A differenza di altri canali di vendita, i comparatori di prezzo non richiedono un abbonamento mensile per l’inserimento dei vostri prodotti e guadagnano con il PPC (Pay per click). Inserire i vostri prodotti è gratis, vi verrà addebitato un costo solo quando i clienti cliccheranno sugli annunci dei vostri prodotti. Il costo può essere fisso o in base ad un’asta (ad esempio, i prodotti più cercati avranno un costo più alto). Questa commissione deve quindi essere presa in considerazione quando stabilite il vostro margine, soprattutto se vendete prodotti con un basso margine di profitto. Scegliete con attenzione i prodotti da includere, preferendo quelli che hanno una redditività più alta, e offrite la spedizione gratuita per catturare l’attenzione dei clienti e massimizzare il ritorno sull’investimento.


Pronto per aprire il tuo negozio online? Inizia la tua prova gratuita di 14 giorni con Shopify. Non serve la carta di credito.


Quale comparatore di prezzo scegliere?

Per aiutarvi a trovare il sito di confronto prezzi più adatto a voi, abbiamo selezionato i 4 comparatori di prezzo più diffusi in Italia per vendere i vostri prodotti.

1. Google Shopping

Google Shopping

Google Shopping è il comparatore di prezzi di Google. Anche se a prima vista ha l’aspetto di un comparatore di prezzi tradizionale, Google Shopping sfrutta un algoritmo integrato con quello della casa madre: ciò significa che i vostri prodotti verranno visualizzati sia su Google Shopping, sia nei classici risultati di ricerca di Google tramite parole chiave. Sfruttate la SEO per apparire più in alto nei risultati di ricerca, integrando le vostre parole chiave nel titolo della pagina ma anche nella descrizione delle pagine di prodotto. Se gestite un negozio con Shopify, potete integrare facilmente i vostri prodotti su Google Shopping installando l’app gratuita del canale Google.

💡 Per approfondire, leggete la pagina del Centro Assistenza per integrare Shopify con Google Shopping e la nostra guida sulle migliori strategie per Google Shopping.

2. Idealo

Idealo

Con oltre 1,3 milioni di visitatori giornalieri e più di 330 milioni di offerte tra cui scegliere, Idealo è un comparatore di prezzi tra i più diffusi e utilizzati in Europa. Per automatizzare la visualizzazione dei prodotti del vostro negozio Shopify su idealo, è disponibile un’app apposita sull’App Store di Shopify: idealo Feed Export.

3. Kelkoo

Kelkoo

Fondato in Francia nel 1999, Kelkoo è stato uno dei primi comparatori di prezzi disponibili online e ancora oggi resta tra i siti di confronto prezzi più utilizzati in Europa. Kelkoo è una piattaforma particolarmente interessante per i commercianti perché vi consente di raggiungere nuovi clienti in tutto il continente. Per integrare i prodotti del vostro negozio Shopify su Kelkoo, seguite questa guida (in inglese).

4. TrovaPrezzi

TrovaPrezzi

TrovaPrezzi è stato uno dei primi comparatori di prezzi italiani, fondato nel 2002. Oggi è uno dei siti di confronto prezzi più utilizzati a livello nazionale. Per trasmettere i dati dei prodotti del vostro negozio Shopify su TrovaPrezzi, utilizzate questo script gratuito realizzato da Emilio Lodigiani (Shopify Education Partner).

In conclusione...

I comparatori di prezzi sono validi alleati per incrementare la visibilità del vostro negozio online e aumentare le vendite. Grazie al modello operativo basato sul PPC e la possibilità di definire i parametri di budget, mostrare i vostri prodotti su siti di confronto prezzi vi permette di raggiungere un pubblico più ampio e altamente targettizzato tenendo sempre sotto controllo la spesa. In previsione del Black Friday Cyber Monday 2020, iniziate già da ora a pubblicare i vostri prodotti sui comparatori di prezzi e tenete traccia dei risultati nel corso del tempo. Buone vendite!


Pronto per aprire il tuo negozio online? Inizia la tua prova gratuita di 14 giorni con Shopify. Non serve la carta di credito.


Argomenti: