Storie di successo italiane: Squat e Basilico

Storie di successo italiane: Squat e Basilico

Squat e BasilicoTerzo episodio della nostra serie sulle storie di successo italiane.

Oggi parliamo con Claudio Venezia, co-founder di Squat e Basilico, un servizio di food delivery che vende pasti preparati sulla base di menù strutturati da chef, nutrizionisti e personal trainer.

Claudio Venezia e Nicola Tasselli sono amici e soci, entrambi appassionati di sport e fitness. Nel 2017 lanciano il loro ecommerce, basato nella città di Bologna ma operativo in tutta Italia.

Volete apparire anche voi come storia di successo sul nostro blog? Compilate questo breve sondaggio qui e se sarete selezionati, vi contatteremo a breve.

Claudio, presentaci la tua impresa e raccontaci la vostra storia: come vi è venuta l'idea di Squat e Basilico?

Sono un appassionato di sport, e assieme al mio socio Nicola ci siamo spesso ritrovati nella vita da impiegati di azienda a rifiutare il cibo tradizionale.

Dopo un'analisi di mercato, abbiamo notato un gap tra nutrizionisti, personal trainer e utenti finali, e abbiamo pensato che la presenza di piatti strutturati da professionisti del settore potesse aiutare il consumatore nel raggiungimento dei propri obiettivi.

Così abbiamo lanciato Squat e Basilico, la prima piattaforma in Italia di menù strutturati da nutrizionisti e personal trainer per le diverse tipologie di dieta.

Collegandosi al sito web è possibile selezionare il proprio obiettivo, visionare le calorie, i macro-nutrienti e la funzionalità degli ingredienti, e concludere l'acquisto online. Consegniamo in 30 minuti a Bologna, e in 48 ore in tutta Italia.

Come vi procurate il prodotto da vendere?

Abbiamo stretto un accordo con un'azienda locale che rispettasse gli standard europei, proponendo cibi biologici e che seguisse la stagionalità degli ingredienti. Esternalizzando la produzione, le ricette dei nutrizionisti vengono inviate all'azienda partner, che produce per noi su base settimanale.

Squat e Basilico team

Come avete ottenuto le prime vendite?

Prima di lanciare la versione definitiva, abbiamo passato 4 mesi a condurre test per validare l'idea e raccogliere dati.

Una volta raccolti i dati, le prime vendite ci sono arrivate attraverso i social media, con ad sponsorizzate Instagram e Facebook abbiamo targhettizzato le nostre campagne verso i clienti potenziali.

Raggiungiamo una media superiore al 60% di tasso di riacquisto e CR del 2,9%.

Quali canali generano la maggior parte del vostro traffico e delle vendite?

Sicuramente social media attraverso contenuti di qualità proposti su Instagram e Facebook.

In secondo luogo, le newsletter settimanali con l'integrazione di MailChimp.

Quali strumenti e app usate per gestire il negozio?

Utilizziamo le app Cross Sell, AdRoll, Swell e Better Shipping.

In termini di vendite, AdRoll è fondamentale per le campagne di retargeting con grande efficacia di conversione.

Swell risulta fondamentale per la fidelizzazione del cliente grazie al programma di fidelity a punti.

Come gestite le spedizioni e l'evasione degli ordini?

La gestione degli ordini è interna, la spedizione viene effettuata da una logistica esterna che tramite un file EDI riceve i nostri ordini.

Qual è stata la parte più difficile nel lanciare la vostra attività?

Gli ostacoli che abbiamo riscontrato in fase iniziale sono legate alla difficoltà di accesso agli investimenti e strumenti a supporto del lancio di una nuova attività imprenditoriale. Bisogna avere fiducia nei propri mezzi e capacità di esecuzione delle idee. Non avendo a disposizione i budget della grandi aziende, è necessario pianificare tutto per far sì che gli strumenti a disposizione apportino i risultati prospettati. È fondamentale capire quali sono le metriche chiave del nostro progetto che dovranno fungere da bussola nel cammino di crescita.

Cosa vi sentireste di consigliare a chi sta per lanciare un negozio o attività commerciale?

  1. Per prima cosa, testare la piattaforma prima di lanciare la versione definitiva.
  2. Veicolare il traffico verso il funnel attraverso sponsorizzate sui social media.
  3. Una volta che i visitatori sono atterrati sul sito, è utile avere un pop-up di iscrizione a newsletter, e se il cliente non conclude la transazione, ad roll retargeting.
  4. È importante pianificare la propria strategia per essere pronti all'ottimizzazione dei processi.

Se volete che anche la vostra storia venga pubblicata sul nostro blog, compilate questo breve sondaggio qui e se sarete selezionati, vi contatteremo.


Which method is right for you?Note sull’Autore - Giulia Greco è caporedattrice e responsabile di marketing per Shopify in Italiano. Traduttrice ed esperta di localizzazione, vive a Toronto da 15 anni e da 15 anni non beve un caffè espresso degno di questo nome.

Argomenti:

Inizia la tua prova gratuita di 14-giorni