Blog di Shopify

Come sviluppare una strategia di paid media incentrata sul pubblico

Come sviluppare una strategia di paid media

Per gli affiliati, una strategia di paid media può essere uno strumento di grande efficacia, soprattutto se finalizzata a costruire un pubblico fedele.

Il pubblico è la chiave per avere successo nell’affiliate marketing. E la pubblicità a pagamento può essere il segreto per costruirvi un seguito di clienti attivi.

Oggi vi sveleremo le strategie da utilizzare per conquistare simultaneamente la fiducia degli utenti e delle vostre aziende partner.

Paid media e affiliate marketing

Molti affiliati provengono dal marketing online e perciò spesso si associa l'affiliate marketing all’uso dei paid media. Certo, per un affiliato è importante conoscere come funzionano digital marketing e pubblicità a pagamento. Ma attenzione a non concentrarvi solo su aspetti tecnici come metriche di performance e guadagni pubblicitari.

Lo scopo dei paid media è amplificare un messaggio. E la maggior parte delle aziende non permette agli affiliati di pubblicizzare direttamente i prodotti tramite inserzioni. Come affiliati, potete utilizzare le inserzioni per indirizzare traffico ai vostri canali: al vostro sito web o alle vostre pagine sui social media. In questo modo evitate conflitti con il brand nella promozione mediante paid media degli stessi prodotti; ad esempio con offerte sulle stesse parole chiave.

Insomma, come affiliati — anziché creare inserzioni a pagamento per pubblicizzare prodotti di terze parti —, dovreste dedicarvi alla costruzione del vostro pubblico. Con un pubblico attivo, siete in grado di generare conversioni promuovendo una moltitudine di prodotti. E questo è un approccio più conveniente rispetto a una strategia incentrata sulla vendita di singoli prodotti. Anche nell’ottica delle aziende, stringere partnership con realtà focalizzate sul pubblico è più utile che puntare su affiliati concentrati solo sulla quantità dei referral.

Potrebbe piacervi anche: Come usare i profili cliente per ottimizzare il tasso di conversione.

Come scrivere inserzioni efficaci

Creando delle inserzioni pubblicitarie, facilmente potete restare invischiati in aspetti come tassi di conversione, call to action e stesura dei testi; ma l'obiettivo di qualsiasi messaggio — che si tratti di paid media o meno — è offrire valore al consumatore.

Come affiliati, concentrarvi troppo su aspetti “commerciali” non vi aiuta. In realtà il successo non sta nei numeri. Sta nel modo in cui il pubblico reagisce all’inserzione, nella percezione che ha del brand e nelle azioni che si sente spinto a compiere. Forse siete abituati alla logica del performance marketing; ma il settore è in evoluzione e gli standard richiesti sono sempre più elevati. Se in passato contava solo la capacità di incrementare il traffico e acquisire un alto volume di nuovi clienti, ora le cose stanno diversamente. Le aziende guardano anche alla qualità dei referral, alle probabilità che questi si trasformino in clienti abituali e compiano acquisti ricorrenti.

Quando da affiliati pubblicate un'inserzione relativa a prodotti o servizi di terzi, è importante che sappiate come presentarli al pubblico. Altrimenti le aziende possono finire per domandarsi se il rapporto con voi non abbia un impatto negativo sul valore del brand.

Le aziende sono anche più attente ai tassi di reso; quindi, è importante che evitiate di essere etichettati come affiliati che generano vendite soggette a resi e ripensamenti.

In definitiva il cambiamento degli standard di valutazione è un fattore positivo. Ora si tratta di lavorare sulla qualità anziché sulla quantità. Lo sviluppo di un pubblico più attivo e coinvolto si traduce in lead di maggior valore per i brand sponsorizzati. E a lungo termine, questo rende più sostenibile la vostra attività; vi offre un potenziale di guadagno più elevato rispetto a quello che avreste restando concentrati sui numeri.

6 suggerimenti per sviluppare una strategia di paid media

Ecco 6 suggerimenti per costruirvi un pubblico con una strategia di paid media, offrendo un valore aggiunto ai brand che sponsorizzate.

Strategia di paid media

1. Rafforzate l'identità del vostro brand

Ricordate che, come affiliati, siete un'estensione del reparto commerciale e del sales team delle aziende che sponsorizzate. Il vostro successo economico è direttamente correlato alle conversioni. Quindi dovete essere posizionati sul mercato in modo da vendere più efficacemente di quanto farebbero i brand. Il vostro pubblico deve sentire una forte affinità con voi. Altrimenti, che bisogno avrebbero di voi le aziende?

Dal punto di vista dei brand, il valore di una partnership con voi sta nella possibilità di raggiungere un nuovo gruppo di acquirenti. Ciò significa che è proprio la fiducia del pubblico a contraddistinguervi e rendervi appetibili per le aziende.

Determinate qual è la vostra unique selling proposition. Siete business coach o esperti di un certo argomento? Ispirate il pubblico? Vi occupate di recensioni? Qualunque cosa rappresentiate per il pubblico, sfruttatela per ritagliarvi la vostra identità unica. Presentatevi come il volto della vostra attività. Questo vi aiuterà a conquistare la fiducia degli utenti. E renderà più evidente alle aziende la vostra connessione con il pubblico target.

2. Elaborate una strategia di paid media incentrata sul pubblico

Una strategia di paid media incentrata sul pubblico si basa un'idea. E cioè: è più produttivo rivolgersi a gruppi specifici di utenti piuttosto che “sparare nel mucchio”.

La pubblicità a pagamento è costosa. Per ottenere la crescita dell'audience ottimizzando il budget, puntate alla fascia di pubblico che ha maggiori probabilità di seguire i vostri contenuti nel lungo periodo. Potete basarvi su dati del pubblico e profili dei clienti per definire esattamente chi raggiungere con le vostre inserzioni a pagamento.

3. Concentratevi sul targeting

L'obiettivo chiave in ogni strategia di paid media è creare contenuti che piacciano alla vostra buyer persona. Sfruttate le opzioni di personalizzazione disponibili su piattaforme come Facebook e Google per raggiungere più facilmente i segmenti principali del vostro pubblico target. Con le opzioni di targeting granulare, potete ottenere un migliore controllo sulla visibilità delle inserzioni e utilizzare il vostro budget in modo efficace. Consultate la guida di Facebook per conoscere le varie opzioni di targetizzazione che possono aiutarvi a selezionare i destinatari giusti per le inserzioni Facebook.

Con Google AdWords, potete controllare il targeting in base a posizionamento e parole chiave; e potete raggiungere il vostro pubblico di riferimento tramite inserzioni nella rete di ricerca oppure nella rete display, con video o inserzioni testuali. Adwords vi permette di regolare la visibilità delle inserzioni in base a criteri come posizione geografica, ora del giorno, età, sesso e dispositivo.

Un'altra ottima funzionalità per il targeting con Adwords consiste nei segmenti di pubblico di affinità personalizzati. Questa opzione consente di creare segmenti di pubblico in base a specifici criteri di settore; ad esempio, clienti che già acquistano da brand simili a quelli che promuovete.

4. Provate diversi formati e canali pubblicitari

Ricordate che i migliori canali per promuovere le inserzioni sono quelli dove il vostro pubblico è più coinvolto. E prestate particolare attenzione al punto del percorso di acquisto dove si trovano i profili dei vostri clienti target. Creando i messaggi giusti al momento giusto, otterrete un successo sostenibile.

Provate i diversi formati di inserzioni che emulano contenuti organici, come i post sponsorizzati, i contenuti consigliati e le inserzioni contestuali in Facebook Messenger. Ogni tipo di inserzione ha la capacità di offrire esperienze rilevanti e iper-personalizzate al vostro target di riferimento.

5. Pubblicità nativa

La pubblicità nativa è una forma di paid media che funziona in modo simile ai contenuti organici. Mentre la pubblicità tradizionale è incisiva e dirompente, quella nativa è in tutto simile ai contenuti organici. Offre una migliore user experience e non solo. Secondo Sharethrough, le inserzioni native possono far registrare un aumento dell’intento di acquisto fino al 18%.

Sotto forma di link o banner, le inserzioni native si presentano come parte integrante del contenuto. Potete utilizzare la pubblicità nativa su tutti i tipi di canali di marketing, compresi social media, YouTube e email marketing.

Strategia di paid media: social

6. Concentratevi sulla longevità con il gated content

Il gated content consiste in contenuti accessibili agli utenti solo dopo l’esecuzione di una determinata azione, come una registrazione. Si tratta di un metodo fantastico per crearvi un seguito attivo a lungo termine. Con l'uso dei paid media, potete amplificare gli effetti di questa tecnica; potete rivolgervi a un pubblico più ampio ma con le stesse caratteristiche del vostro principale segmento di utenti.

Utilizzate la call to action (CTA) per offrire contenuti gratuiti. Consentite agli utenti di interagire con voi a un livello più profondo. Invitateli a iscriversi alla vostra mailing list o a seguirvi sui social media per ricevere l'accesso esclusivo ai vostri contenuti. Guide, ebook, video training, template e mini-corsi sono tutti ottimi contenuti da offrire per costruire il vostro pubblico. Grazie a questo metodo stabilirete un rapporto a lungo termine con gli utenti, il che porterà i suoi frutti nel tempo.

Con il gated content, il ritorno sulla spesa pubblicitaria può non essere immediato. Ma il vostro investimento sarà fruttuoso, perché costruirete un pubblico a cui poter proporre diversi prodotti più e più volte. L'utilizzo dei paid media per costruire il vostro seguito è una soluzione più sostenibile che affidarvi alla pubblicità a pagamento ogni volta che dovete commercializzare un singolo prodotto.

Sembra paradossale, ma l'imprenditore seriale Gary Vaynerchuk è un sostenitore del content marketing; e raccomanda di distribuire gratuitamente materiali di valore. Sottoscrive la filosofia secondo cui offrire qualcosa di prezioso ripaga a lungo termine.

“Per costruire qualsiasi tipo di relazione che vi dia modo di chiedere”, afferma Gary, “dovete essere voi i primi a dare”.

Studiate il modo per diventare una fonte influente di informazioni. Iniziate con una strategia di contenuti gratuiti e poi amplificatela con i paid media.

Imperniate sul pubblico (e non sul prodotto) la vostra strategia di paid media

Anziché creare inserzioni pubblicitarie per la promozione dei prodotti, spostate la vostra attenzione sulla costruzione del pubblico. Questo sarà e resterà la vostra principale risorsa. Dopodiché create contenuti interessanti e utili; e monetizzateli promuovendo prodotti e servizi preziosi per il target di riferimento.

Il vostro ritorno sulla spesa pubblicitaria non sarà immediato, ma l'acquisizione di follower fedeli darà i suoi frutti a lungo termine. I seguaci fedeli saranno molto più propensi a fare acquisti quando condividerete delle offerte con loro; anche perché queste saranno in linea con le loro esigenze.

Nel tempo, l’interesse delle aziende continuerà a essere rivolto agli affiliati più vicini al loro pubblico target. Dunque, posizionatevi come fonti autorevoli. Utilizzate le vostre abilità con i paid media per costruirvi un pubblico. E mantenete il pubblico al centro della vostra strategia di affiliate marketing.

Ricordate: le relazioni con le aziende diventeranno più redditizie quando potrete esprimere chiaramente il valore che avete da offrire. Le aziende vi permettono di monetizzare i contenuti. Ma anche voi avete qualcosa da mettere sul piatto della bilancia: i clienti. Finché avrete un forte legame con il vostro pubblico, potrete contare su rapporto bidirezionale, con vantaggi per le aziende e anche per voi.

La vostra attività commerciale ha tratto beneficio da una strategia di paid media incentrata sul pubblico? Raccontateci come!


Articolo originale di Laura Andersen, tradotto da Maria Teresa Cantafora.
Argomenti: