Blog di Shopify

7 strategie per acquisire clienti incrementando il fatturato

7 strategie per acquisire clienti

Riuscire ad acquisire nuovi clienti è cruciale, tanto per le startup quanto per le aziende già affermate. Ma alcuni imprenditori considerano le vendite come qualcosa di imprevedibile e ritengono che acquisire clienti sia una questione di pura fortuna.

Volete far crescere la vostra attività commerciale in modo costante e redditizio? Allora smettete di vedere l'acquisizione dei clienti come un risultato. Consideratela piuttosto come un processo, tenendo conto dei seguenti fattori:

  • Strategie per acquisire clienti
  • Costi di acquisizione clienti
  • Spesa media dei clienti in negozio

Cosa significa “acquisire clienti”?

Acquisire clienti è frutto di un processo che consiste nel trovare potenziali clienti e persuaderli ad acquistare. Il tutto, in modo misurabile, ripetibile e non casuale.

Le varie fasi che portano all'acquisizione del cliente possono essere illustrate attraverso un funnel:

Funnel di acquisizione clienti
Funnel di acquisizione clienti: il lead diventa potenziale cliente e poi cliente. Fasi: consapevolezza, interesse, considerazione, intenzione di acquistare, valutazione, acquisto.

Marketer e imprenditori spesso distinguono nel funnel di acquisizione clienti 3 fasi principali:

  • Parte superiore del funnel (consapevolezza): In questa prima fase, il vostro obiettivo è far conoscere il brand al target di riferimento e acquisire dei contatti. Tipicamente vi concentrerete su un pubblico vasto, potenzialmente interessato al brand o ai prodotti ma senza una precisa intenzione di acquisto. Ad esempio, un marchio di arredamento potrebbe utilizzare l'hashtag #camerettabimbi per mostrare i propri post con arredi per le stanze dei bambini agli utenti di Instagram in cerca di ispirazione.

  • Parte centrale del funnel (considerazione): I potenziali clienti si spostano dalla parte superiore a quella centrale del funnel quando una loro azione dimostra che prendono in considerazione l'acquisto. Magari possono essersi iscritti alla vostra mailing list o possono aver iniziato a seguire il vostro brand sui social media. A questo punto, starà a voi convincerli a diventare clienti.

  • Parte finale del funnel (acquisto): Questa è l’ultima fase attraversata dal cliente potenziale prima della conversione. Richiede il compimento di un’azione che indichi chiaramente l’intenzione di acquistare. Può trattarsi dell’aggiunta di un prodotto al carrello o dell’iscrizione al periodo di prova gratuita. In questa fase, spesso le aziende offrono al potenziale cliente degli incentivi (es. codici sconto) per favorire la conversione.

Per acquisire clienti esistono più metodi, specialmente online. Con il marketing digitale è diventato più facile verificare da quale fonte provengono i clienti e sperimentare nuove strategie di marketing, sfruttando più estensivamente quelle che funzionano bene.

Calcolo dei costi di acquisizione clienti (CAC)

Praticamente ogni nuovo cliente ha un costo, calcolabile in base allo sforzo di marketing messo in atto per acquisirlo.

Per sapere se le vostre attività per acquisire clienti funzionano davvero, dovete calcolare il costo di acquisizione clienti (CAC).

A tal fine, prendete i costi sostenuti per il marketing e divideteli per il numero dei nuovi clienti acquisiti.

Ad esempio, supponiamo che la vostra pagina Instagram porti 50 clienti al mese e che voi spendiate 500 € per la creazione di contenuti. In tale ipotesi il costo di acquisizione clienti sarebbe di 10 €:

Spese di marketing (500 €) / Nuovi clienti (50) = CAC (10 € per cliente)

Le aziende calcolano il CAC per un motivo ben preciso: capire se la loro strategia di marketing è redditizia. Torniamo all'esempio precedente. Ammettiamo che ciascun cliente spenda in media 50 € per il primo acquisto nel vostro negozio. Se il vostro margine lordo su ogni ordine dovesse essere del 50%, avreste un profitto di 15 € su ogni ordine.

Valore medio dell'ordine (50 €) x Margine lordo (50%) - Costo di acquisizione clienti (10 €) = Profitto (15 €)

Per i brand con un elevato customer lifetime value può anche avere senso sostenere costi di acquisizione senza guadagnare sul primo acquisto. I dati suggeriscono che i nuovi clienti probabilmente faranno altri acquisti dopo il primo? Allora, valutate se investire di più per la loro acquisizione.

Utilizzando Google Analytics, i report di Shopify e altri strumenti di analisi, sarete in grado di conoscere i costi di acquisizione dei clienti per ogni vostra iniziativa di marketing.

La chiave per far crescere la vostra attività è sperimentare più strategie di acquisizione clienti, riconducendo a ciascuna di esse i risultati prodotti.

Ora esploriamo alcune strategie per acquisire nuovi clienti, utili per far crescere la vostra attività. E vediamo come individuare la strategia migliore per voi.

7 strategie per acquisire nuovi clienti (e come usarle)

1. Pubblicità a pagamento

Uno dei metodi più comuni per acquisire clienti è fare pubblicità online. Molti brand di ecommerce si rivolgono a Facebook, Google e altre piattaforme per le loro campagne; questo perché qui sono presenti strumenti di analisi avanzati per ottimizzare le inserzioni e sfruttare al massimo il proprio budget.

Per quanto riguarda la pubblicità online, le principali piattaforme che offrono traffico a pagamento sono Facebook Ads e Google Ads. Ma praticamente ogni altra piattaforma social, marketplace o motore di ricerca offre la possibilità di pubblicare inserzioni a pagamento. Sta a voi scegliere, in base al profilo dei vostri clienti target e alle loro abitudini di navigazione.

Inserzione Facebook per Glossier
Il makeup brand Glossier usa le inserzioni sui social media per trovare clienti online.

Ogni piattaforma di paid advertising ha le sue peculiarità; comunque in linea generale pagate in base alle impressioni (visualizzazioni) degli utenti, secondo una metrica chiamata CPM (costo per mille impressioni). Di solito avete la possibilità di scegliere un target per le campagne sulla base di dati demografici, interessi e altre caratteristiche. Utilizzando i parametri di targeting forniti dalla piattaforma pubblicitaria online potete restringere il campo, mostrando le inserzioni solo alla fascia di potenziali clienti da acquisire.

Vantaggi

  • Crescita veloce: Secondo alcuni, acquisire traffico a pagamento è il modo più efficace per far crescere rapidamente un'attività commerciale. La visibilità è garantita. E con le giuste strategie e tecniche di ottimizzazione, è solitamente possibile incrementare il budget e acquisire clienti in tempi brevi.

  • Opzioni di targeting: Uno dei maggiori vantaggi della pubblicità a pagamento è la presenza di opzioni di targeting per scegliere esattamente a chi mostrare le inserzioni. Facebook Ads, ad esempio, offre opzioni di targeting basate su interessi e comportamento degli utenti; in questo modo è possibile raggiungere praticamente ogni nicchia di mercato presente sulla piattaforma.

Potenziali svantaggi

Strategia adatta per:

  • Aziende con un budget da investire: Per accedere al pubblico di una piattaforma pubblicitaria in genere non servono pagamenti anticipati, né è prevista una soglia di spesa minima. Tuttavia ciò non significa che queste piattaforme siano economiche. Per trarre profitto dalle inserzioni a pagamento occorre testare più varianti di inserzione, tipi di pubblico e strategie. Insomma, può trarre un beneficio a lungo termine dalla pubblicità a pagamento chi ha soldi da investire nel marketing.

  • Aziende con risorse creative: Uno dei fattori chiave per avere successo è pubblicare inserzioni creative, in grado di attrarre nuovi clienti. Il vostro brand dispone di foto, video e testi che possono avvicinare con successo nuovi utenti al prodotto e convertirli in clienti paganti? Allora considerate la possibilità di investire nella pubblicità a pagamento.

2. Sponsorizzazioni degli influencer

Se avete soldi da investire nel marketing, uno dei metodi più rapidi per raggiungere un pubblico rilevante è retribuire chi ha un vasto seguito online per promuovere il vostro brand. L'influencer marketing (tramite Instagrammer, YouTuber, blogger, ecc.) è diventata una forma popolare di pubblicità online. Secondo un sondaggio di Twitter, sarebbe efficace addirittura quanto il passaparola tra amici nella vita reale.

Se volete avere successo con l'influencer marketing, dovete trovare gli influencer giusti per promuovere il vostro prodotto. L'obiettivo è individuare qualcuno con:

  • Un seguito attivo, coinvolto, potenzialmente interessato al vostro prodotto.
  • La capacità creativa per produrre contenuti in grado di valorizzare il vostro brand.

Vantaggi

  • Incremento della notorietà del brand: Ingaggiare influencer con centinaia di migliaia o persino milioni di follower si traduce nell'incremento della notorietà del vostro brand. Con l'influencer marketing, pagate non solo per acquisire clienti, ma anche per farvi conoscere da un pubblico più ampio, in modo da essere in cima ai pensieri di coloro che vogliono acquistare prodotti come i vostri.

  • Accesso a un pubblico di nicchia: Un micro-influencer, che tipicamente ha un seguito piuttosto piccolo e settoriale, può dare alle aziende con prodotti di nicchia l'accesso immediato a un pubblico online rilevante. I micro-influencer in genere richiedono un compenso più basso e hanno metriche di engagement migliori. In questo caso, i contenuti sponsorizzati hanno più probabilità di essere notati dai follower e quindi hanno anche un tasso di conversione maggiore.

Potenziali svantaggi

  • Difficoltà di tracciamento del ROI: Rispetto alla maggior parte delle piattaforme social, lo svantaggio dell'influencer marketing è l'assenza di strumenti di tracking avanzati. Le piattaforme di paid advertising tengono traccia di clic e visualizzazioni. Invece con gli influencer è necessario tracciare i post tramite link UTM, codici sconto e altri meccanismi simili. In assenza di specifiche azioni volte al tracciamento, rischiate di non sapere se una determinata sponsorizzazione abbia prodotto vendite o meno.

  • Pagamenti anticipati: Esistono varie piattaforme e siti specializzati che possono mettervi in contatto con gli influencer. Generalmente chi crea contenuti per voi vi chiederà un compenso anticipato, che può consistere in denaro o nell'invio di un prodotto omaggio. Questo tutela gli influencer da potenziali truffe, ma può essere rischioso per le aziende. Di fatto, voi non avete alcuna garanzia che l'influencer vi farà acquisire clienti. Gli accorgimenti che possono aiutare a mitigare il rischio sono: prevedere il pagamento tramite commissioni, siglare un accordo scritto e usare un servizio di garanzia (“escrow”) offerto da terze parti.

Strategia adatta per:

  • Prodotti che richiedono una dimostrazione: Ipotizziamo che vendiate un prodotto innovativo, che il consumatore medio non conosce. Per fare pubblicità e attrarre potenziali clienti, una semplice foto può non bastare. Collaborando con un influencer, potete chiedergli di testare il prodotto e fornire una dimostrazione del suo utilizzo, condividendola online per convincere i potenziali clienti.

  • Brand o prodotti di tendenza: Spesso gli influencer sono seguiti per la loro capacità di scoprire nuovi prodotti o tendenze, ad esempio in fatto di moda, cibo o tecnologia. Se la vostra azienda o il vostro brand hanno questo fattore “cool”, contattare un influencer per pubblicizzare il vostro prodotto può essere ancora più interessante. In questo caso, la partnership è vantaggiosa per entrambe le parti, perché aiuta l'influencer a mantenere coinvolto il suo pubblico.

3. Email marketing

La lead generation è spesso il primo passo per acquisire dei clienti. Consiste nel raccogliere i dati dei potenziali clienti in modo da contattarli tramite email o raggiungerli con inserzioni per convertirli. Del resto molti utenti non fanno subito acquisti quando visitano un sito.

La raccolta di indirizzi email tramite lead generation è vista come uno dei migliori investimenti per acquisire clienti. E questo grazie alle entrate che l'email marketing produce per le aziende. Secondo un sondaggio di Campaign Monitor, per il 59% dei marketer la maggior parte del ROI proviene dalle email.

I modi per costruire una mailing list sono moltissimi. Ad esempio, potete generare traffico a pagamento su una pagina provvista di modulo di iscrizione alla newsletter. Oppure, potete offrire uno sconto di benvenuto sul sito web ai nuovi iscritti. Una volta pronta la mailing list, potrete condurre campagne di email marketing e impostare l’invio automatico di email mirate; il tutto, con servizi di email marketing come Omnisend o Klaviyo. Le email possono essere personalizzate e l'invio può essere attivato da trigger legati a dati comportamentali, il che aiuta a trasformare i contatti in clienti.

Opt-in email Harry's
Landing page creata da Harry's per raccogliere email di potenziali clienti prima di avviare l’attività.

Vantaggi

  • Possibilità di generare entrate ricorrenti: Uno dei maggiori vantaggi nella creazione di una mailing list è che vi dà la possibilità di continuare a contattare i clienti nel tempo, prolungando il lifetime value di ogni cliente. Una volta acquisita l'email, potete impostare l’invio di messaggi automatici; questo per mantenere alto il coinvolgimento e consigliare al cliente l'acquisto di nuovi prodotti.

  • Utilità dei dati raccolti: Una mailing list non è utile solo per coinvolgere i potenziali clienti. Può anche servire per trovare nuovi potenziali clienti creando un “pubblico simile”. Ciò è possibile su piattaforme pubblicitarie come Facebook o Google, che consentono il caricamento di un file CSV con una lista di contatti per trovare utenti con caratteristiche simili.

Potenziali svantaggi

  • Il tasso di consegna delle email può diminuire: Oltre il 50% delle email vengono considerate spam. I filtri antispam diventano sempre più sofisticati e per le aziende è sempre più difficile recapitare le email nella casella di posta di un utente. Per limitare questo rischio, personalizzate le email e attenetevi alle best practice in fatto di design così da migliorare la deliverability delle vostre campagne.

  • Rischio di indirizzi inattivi: Avere un'ampia mailing list è ottimo, ma la qualità dei contatti è più importante della loro quantità. Alcune strategie di acquisizione degli indirizzi email possono funzionare senza però portarvi lead di qualità. Se volete scongiurare questo rischio, analizzate il tasso di conversione per ogni fonte di contatti. Un modo per ridurre i costi dell’email marketing è pulire regolarmente la vostra lista. Eliminate gli indirizzi che non aprono le vostre email da tempo e non dimostrano un interesse.

Strategia adatta per:

  • Aziende con prodotti multipli/consumabili: Il vostro prodotto è consumabile e va acquistato periodicamente (come il caffè)? Avete una linea di prodotti complementari (es. abbigliamento)? In casi simili, l'email può diventare la vostra principale fonte di entrate ricorrenti. Il vostro negozio ha un'intera collezione di prodotti che potete proporre ai clienti nel tempo? Allora, massimizzate il ritorno sull'investimento mantenendo i contatti con i clienti via email e incentivando la loro abitudine agli acquisti ripetuti.

  • Lancio di nuovi prodotti: Se siete in fase di sviluppo di un prodotto e dovete ancora lanciare la vostra attività, raccogliere le email può esservi molto utile. Ne è un ottimo esempio Harry’s, un brand di prodotti da uomo per barba e rasatura che nella settimana precedente al lancio ha raccolto quasi 100.000 indirizzi email. Creare una “lista d'attesa” ha una doppia utilità: da una parte serve a raccogliere i contatti degli utenti realmente interessati, e dall'altra crea suspense tra gli utenti per la novità in arrivo.

4. Referral program

Le raccomandazioni di persona da parte di amici e conoscenti hanno un impatto notevole. Una ricerca di Nielsen ha dimostrato che il passaparola è tra le forme più efficaci di marketing. Del resto, le persone si fidano di chi conoscono. Se un amico vi consigliasse di provare un prodotto o un brand, probabilmente non gli dareste ascolto?

Dunque, un imprenditore intenzionato a integrare i referral nella propria strategia di acquisizione dovrebbe incentivare i clienti fedeli a coinvolgere gli amici.

Se questo è il vostro caso, impostate un referral program premiando i clienti ogni volta che vi presentano nuovi contatti. App come Referral Candy, Loyalty Lion e Smile.io incoraggiano in vari modi i clienti a presentare degli amici: con email di marketing o attraverso sconti e incentivi, sia per il cliente che per i suoi amici.

Esempio di referral program | 7 strategie per acquisire clienti incrementando il fatturato
Il referral program di Vanity Planet incoraggia i clienti a presentare degli amici per ricevere punti.

Vantaggi

  • Basso costo: Vista l'efficacia del meccanismo, solitamente i referral program sono visti come una soluzione a basso costo per acquisire clienti. Le spese da considerare per implementare il programma sono: l'abbonamento all'app e gli sconti concessi ai clienti acquisiti tramite referral.

  • Acquisti ripetuti: Spesso, quando un cliente invita un amico, viene ricompensato con un piccolo vantaggio; ad esempio con un codice sconto sul successivo acquisto. Questo crea un vantaggio extra: incoraggia gli acquisti ripetuti da parte dei clienti esistenti. Si tratta di un incremento ulteriore delle vostre entrate, che contribuisce a rendere il referral program ancora più redditizio.

  • Fedeltà dei clienti: Secondo uno studio pubblicato dalla American Marketing Association, i clienti presentati da altri clienti hanno il 18% di probabilità in meno di andare via; inoltre hanno il 25% di probabilità in più di fare spese maggiori nel vostro negozio. Insomma, i numeri dimostrano che i programmi di referral generano clienti più fedeli e di maggior valore per il vostro business.

Potenziali svantaggi

  • Basso engagement: Forse voi siete entusiasti di lanciare un referral program, ma non c'è alcuna garanzia che i vostri clienti lo siano altrettanto o vogliano partecipare. Se non hanno ricevuto un buon servizio dalla vostra azienda oppure non hanno una passione per i vostri prodotti tanto da poterli raccomandare, questa strategia di acquisizione clienti potrebbe non essere la più giusta per voi.

  • Organizzazione e tracking: Poiché i referral program prevedono il riconoscimento di premi, il tracking dei referral e l'assegnazione di punti fedeltà ai clienti, l'organizzazione è un elemento essenziale. Ecco perché molte aziende utilizzano un'app per gestire il loro referral program. Se pensate di tenere traccia dei referral manualmente, considerate che potreste incorrere in problemi potenzialmente frustranti per i clienti.

Strategia adatta per:

  • Aziende con clienti esistenti: Logicamente per gestire con successo un referral program occorre avere già una clientela. Se al momento avete pochi clienti, i loro referral potrebbero non coprire nemmeno i costi di creazione del programma.

  • Aziende con clienti fedeli: Ogni azienda vorrebbe avere clienti fedeli ed entusiasti, che non vedono l'ora di parlare agli amici dei loro prodotti. Tuttavia non ogni attività è strategicamente progettata per ottenere questo risultato. Cosa aiuta a ottenere clienti fedeli e disposti a parlare del brand agli amici? Sicuramente offrire un buon servizio di assistenza clienti, garantire spedizioni rapide e prevedere modalità semplici per i resi.

5. Pubblicità tradizionale

A differenza di quanto potreste pensare, il digital marketing non ha soppiantato la pubblicità tradizionale. Oggi i marketer cominciano a tornare alle forme più tradizionali di pubblicità, come la carta stampata e la posta, per acquisire nuovi clienti.

Classifica dei canali di marketing più affidabili per i consumatori
Questa ricerca pubblicata da MarketingSherpa mostra che la fiducia dei consumatori nei media tradizionali prevale sulla fiducia verso la maggior parte dei canali digitali. Al primo posto, giornali e riviste. Al secondo posto la pubblicità in televisione.

Le inserzioni display sono presenti ovunque, ma proprio per questo un numero crescente di consumatori le ignora o le filtra con gli ad blocker. I media tradizionali, dai volantini ai cartelloni pubblicitari e persino agli annunci televisivi possono essere una buona soluzione per diversificare i canali di acquisizione clienti e raggiungere una nuova fascia di pubblico.

Allo stesso tempo, la tecnologia ha portato miglioramenti significativi dei metodi pubblicitari tradizionali per le piccole imprese, sia in termini di costi che in fatto di accessibilità. App come Touchcard possono connettersi al vostro negozio online e utilizzare i dati dei clienti per inviare loro delle cartoline postali.

Pubblicità di Icon alla stazione della metropolitana
Annuncio in metropolitana realizzato per Icon da THINX con un codice sconto online, usato come call to action per tracciare le vendite derivanti dalla campagna.

Vantaggi

  • Riduzione dei costi: Secondo AdAge, il costo della pubblicità nei maggiori programmi televisivi è in diminuzione. Mentre i prezzi per uno spot pubblicitario nei 10 programmi più importanti sono troppo alti per la maggior parte delle aziende, alcune ricerche indicano che il CPM delle pubblicità televisive non è alto (a partire da 2,26 dollari in su). Se il vostro obiettivo è raggiungere il maggior numero possibile di persone al costo più basso, l'ampia e massiccia copertura degli spot televisivi potrebbe avere senso per il vostro brand dal punto di vista economico.

  • Fiducia dei consumatori: La fiducia dei consumatori nelle inserzioni digitali è aumentata nel tempo, soprattutto perché brand molto noti hanno iniziato a condurre delle campagne online. Tuttavia, secondo uno studio statunitense pubblicato da MarketingSherpa, la stampa e gli spot televisivi sono ancora in testa nella classifica dei canali pubblicitari di cui i consumatori si fidano maggiormente.

Potenziali svantaggi

  • Tracking: La pubblicità tradizionale offre una copertura molto ampia. Il suo aspetto negativo è la carenza di quella precisione nel tracking che viene offerta dai canali digitali. Quando conducete una campagna tramite stampa o televisione, è probabile che non possiate conoscerne il ROI esatto. Del resto, coloro che visualizzano la pubblicità e compiono delle azioni offline non sono monitorati tramite cookie, come avviene per coloro che visitano il vostro sito web. Comunque, alcuni marchi digital-first (come Icon, di cui abbiamo parlato sopra) hanno dimostrato che integrando un codice sconto per il primo acquisto nelle pubblicità fisiche è possibile tracciare l'acquisizione di clienti da queste campagne.

  • Investimento iniziale: L'impegno in termini di budget e la mancanza di flessibilità insiti nella pubblicità tradizionale sono spesso visti come un rischio. La pubblicità digitale è pianificabile volta per volta. Permette alle aziende di sperimentare e reinvestire sulla base dei risultati delle campagne in tempo reale, e di testare cosa funziona investendo un budget ridotto. Se non testate prima il vostro messaggio di marketing in un ambiente più flessibile, i risultati di un investimento iniziale sui media tradizionali potrebbero essere deludenti.

Strategia adatta per:

  • Negozi locali: La pubblicità tradizionale comporta il pagamento anticipato ma può essere sfruttata con efficienza tramite stampa, TV e annunci radiofonici locali. Il vostro negozio effettua le spedizioni solo in un paese o è progettato per un pubblico locale, ad esempio perché è dedicato alla squadra sportiva di una città? In casi simili la pubblicità sui media locali può premiarvi con una copertura mirata e a costi bassi.

  • Negozi con prodotti costosi: Il valore medio dell'ordine gioca un ruolo significativo quando i costi pubblicitari sono elevati. Aziende come Endy e Casper sono note per aver investito in campagne sui mezzi pubblici per vendere i propri materassi, dal costo spesso superiore ai 1.000 dollari. Se il valore medio dell'ordine è elevato e i margini di profitto sono alti, il rischio di un grosso investimento nella pubblicità tradizionale può essere compensato dal fatto che non servono troppi acquisti per rendere produttiva la campagna.

6. Ottimizzazione sui motori di ricerca (SEO)

Molti consumatori, quando cercano un prodotto o un servizio, utilizzano Google come punto di partenza. La creazione di contenuti che aiutano un brand a comparire tra i risultati di ricerca di Google per le query pertinenti è nota come SEO o Search Engine Optimization.

Individuare le giuste parole chiave e implementarle in una strategia di contenuti per il vostro sito web e il vostro blog può aiutarvi a scalare le pagine dei risultati di ricerca di Google. Come risultato, potete ottenere traffico sul vostro sito e quindi nuovi potenziali clienti.

temporary tattoo | 7 strategie per acquisire clienti incrementando il fatturato
Inkbox è al primo posto su Google con la keyword “tatuaggi temporanei”, un termine che ha oltre 30.000 ricerche mensili. Come potete immaginare, questo genera un enorme traffico passivo di potenziali clienti sul sito web dell'azienda.

Vantaggi

  • Traffico passivo e organico: Ogni secondo che passa vengono inserite nel motore di ricerca di Google oltre 40.000 query. Questo rende Google il sito web più visitato su internet. Se riuscite a ottimizzare in quest'ottica il vostro sito web e i suoi contenuti, potete ottenere visitatori che cercano prodotti nella vostra nicchia in modo da acquisire clienti potenziali.

  • Efficacia protratta nel tempo: Spesso l'ottimizzazione sui motori di ricerca è considerata una fonte di traffico “evergreen”. In poche parole, contenuti creati e pubblicati da mesi o anni possono restare per diverso tempo nella prima pagina di Google, continuando a portare traffico al vostro sito. Grazie a contenuti di qualità e sempre attuali, potete acquisire traffico senza dover pagare per le visite ottenute.

Potenziali svantaggi

  • Crescita lenta: Se volete apparire in cima ai risultati di ricerca di Google, potete pagare Google Ads ed essere subito inseriti in alto tra le inserzioni sponsorizzate. Viceversa se il vostro obiettivo è apparire in prima pagina tra i risultati di ricerca organici, vi occorreranno tempo e pazienza affinché Google riconosca il vostro sito web come una fonte autorevole.

  • Concorrenza: “Temporary tattoos” (tatuaggi temporanei) ha oltre 30.000 ricerche mensili, ma Google mostra oltre 237 milioni di risultati a chi cerca questo termine. Alcune nicchie sono altamente competitive nelle pagine di ricerca, il che può rendere piuttosto difficile il posizionamento in prima pagina. Grazie a strumenti come Ubersuggest e Ahrefs potete individuare il livello di concorrenza delle parole chiave ed eventualmente trovare delle keyword meno competitive.

Strategia adatta per:

  • Aziende disposte a seguire una strategia a lungo termine: Un sito ben ottimizzato è una fonte di traffico organico misurabile e affidabile. Tuttavia raggiungere questo risultato richiede un continuo impegno e costanti aggiornamenti. Infatti l'algoritmo di Google cambia facilmente. Per questo è essenziale mettere sempre in atto le strategie SEO più avanzate sul piano tecnico e creativo per riuscire ad acquisire clienti attraverso questo canale.

  • Creatori di contenuti: Attuare delle strategie SEO può sembrare un fatto tecnico, ma come è noto, la qualità dei contenuti gioca un ruolo fondamentale nella capacità di ranking su Google. L'obiettivo finale è soddisfare gli utenti; perciò il posizionamento non è solo una questione di keyword. Dipende molto dalle vostre capacità di scrittura e dalla vostra creatività nel trovare idee per i contenuti.

7. Costruzione di un pubblico

Con social media e piattaforme come Facebook, Instagram, YouTube e Twitch, singoli utenti sono stati in grado di attrarre un enorme seguito di potenziali clienti. Aziende come SandCloud e Gym Shark hanno ottenuto centinaia di migliaia o addirittura milioni di follower su Instagram, diventando essi stessi degli influencer.

Esempio Gym Shark Instagram | 7 strategie per acquisire clienti incrementando il fatturato
Gym Shark ha oltre 3 milioni di follower su Instagram e ha creato una community di ambassador del brand.

Esistono diversi modi per costruire un pubblico online sui social media. Quasi tutti richiedono tempo, costanza e contenuti per attrarre nuovi follower e mantenerli coinvolti. Avere dei follower dà autorevolezza al vostro brand e non solo. Vi garantisce un pubblico che potete contattare ogni volta che volete promuovere un prodotto o generare delle vendite.

Vantaggi

  • Traffico organico: Anche se la creazione di un profilo coinvolgente sui social media comporta dei costi, questa è spesso vista come una fonte di traffico organico, utile a condividere gratuitamente i vostri contenuti. I video virali possono comparire sulle pagine ad alto traffico dedicate ai trend o ai suggerimenti di diverse piattaforme. I vostri follower possono condividere contenuti o taggare il vostro marchio, portandovi nuovi follower organici e potenziali clienti.

  • Prova sociale: Sui social media non mancano i numeri, a partire dal conteggio dei like e commenti fino al totale degli iscritti. Tutte queste metriche conferiscono autorevolezza al vostro brand poiché costituiscono una prova sociale. Quando i potenziali clienti cercano il vostro brand online (cosa che spesso accade), la presenza di un vasto pubblico fa apparire affidabile il vostro brand.

Potenziali svantaggi

  • Crescita lenta: Se fosse facile crearsi un pubblico online, tutti saremmo influencer. Costruirsi un seguito organico e trasformarlo in un canale per acquisire clienti richiede tempo, specialmente se pensate alle rapide tempistiche offerte dalla pubblicità a pagamento.

  • Cambiamenti dell'algoritmo: Uno dei maggiori rischi per i creatori di contenuti di qualsiasi piattaforma è il cambiamento improvviso dell'algoritmo che in precedenza era stato di aiuto per guadagnare trazione. Nel 2016, alcuni dei maggiori canali di YouTube hanno dichiarato che le loro visualizzazioni erano calate del 30% a causa di presunti cambiamenti dell'algoritmo. Se decidete di costruire un pubblico online, la capacità di raggiungere quel pubblico e convertirlo in clienti sarà sempre condizionata in qualche modo dalla piattaforma stessa.

Strategia adatta per:

  • Creatori di contenuti: Se siete persone creative e abili nella scrittura, nella fotografia o nella creazione di video, oppure siete bravi a intrattenere il pubblico online, costruirvi un pubblico può essere la strategia giusta per acquisire clienti.

  • Aziende con un budget ridotto: Se siete a corto di denaro, crearvi un pubblico organico può essere una soluzione conveniente per trovare clienti. A differenza delle inserzioni a pagamento, questo tipo di pubblicità non implica un costo fisso per mostrare il brand a nuovi utenti. Anziché investire denaro, potete costruire il vostro pubblico online utilizzando la creatività.

Quale strategia è migliore per voi?

Se la fidelizzazione dei clienti è fondamentale per mantenere in attivo il vostro bilancio, attrarre e acquisire nuovi clienti può aiutarvi a crescere.

Acquisire clienti significa scoprire come i clienti vi trovano e perché fanno acquisti da voi, per poi ottimizzare ed estendere il processo. Procedere così vi permetterà di spendere il budget destinato al marketing in modo più strategico, facendo crescere costantemente il vostro business nel tempo.

Dopo aver sperimentato vari canali e strategie, riuscirete a individuare qual è la formula di acquisizione clienti più efficace per voi. Inoltre (cosa ancor più importante) otterrete l'esperienza necessaria per non dovervi affidare a un'unica fonte, quando si tratta di acquisire clienti.


Pronto ad aprire un negozio online? Inizia la tua prova gratuita di 14 giorni. Non serve la carta di credito.


Articolo originale di Mary-Rose Sutton, tradotto da Maria Teresa Cantafora.
Argomenti: