Vuoi aprire un negozio online?

Vendere all’estero con Shopify: guida pratica per iniziare

Vendere all’estero con Shopify: guida pratica per iniziare

Le vendite ecommerce globali hanno raggiunto 4,2 trilioni di dollari nel 2020, una cifra destinata ad aumentare ancora durante i prossimi anni. In un momento storico che vede il commercio mondiale più interconnesso che mai, vendere all’estero è di fondamentale importanza se gestite un negozio online che si rivolge ad un pubblico globale. In questa guida pratica, scopriremo come configurare il vostro negozio Shopify per vendere all’estero e aumentare le vendite internazionali della vostra attività. Cominciamo!

Indice


  1. Come creare un negozio online con Shopify per vendere all’estero
  2. Dove vendere all’estero? Come scegliere i mercati su cui puntare
  3. Come configurare i pagamenti multivaluta e offrire pagamenti in valute locali
  4. Come configurare i domini internazionali in base al paese
  5. Come tradurre la lingua del vostro negozio online
  6. Strategie di marketing per vendere all’estero

1. Come creare un negozio online con Shopify per vendere all’estero

Se non lo avete già, il primo passo per vendere all’estero è aprire un negozio online con Shopify. Non è richiesta alcuna capacità di programmazione o design, i primi 14 giorni sono gratuiti e non serve la carta di credito per registrarsi alla prova. Per approfondire, leggete anche la nostra checklist con i punti essenziali per aprire un negozio online.


Pronto per aprire il tuo negozio online e vendere in tutto il mondo? Inizia la tua prova gratuita di 14 giorni con Shopify. Non serve la carta di credito.


2. Dove vendere all’estero? Come scegliere i mercati su cui puntare

Per vendere all'estero con successo è fondamentale identificare i potenziali mercati di destinazione. La domanda da porsi è quindi, dove vendere all’estero? Per trovare i mercati più adatti al vostro negozio, valutate le dimensioni di un potenziale mercato, la facilità di fare affari e il ritorno atteso sull'investimento. Ricordate inoltre che localizzare l'esperienza del cliente è molto importante per generare traffico e aumentare le conversioni. Inoltre, non dimenticate di verificare con i corrieri quali sono i paesi verso cui spediscono e quali mercati limitano o vietano la vendita dei prodotti. Per approfondire, leggete la nostra guida pratica sulla spedizione all’estero.

Guida gratuita di Shopify al commercio internazionale

Pronti a vendere all'estero? Scaricate il Global Ecommerce Playbook, un manuale completamente gratuito di 64 pagine (in inglese) realizzato da Shopify che analizza le potenzialità del commercio globale per aiutarvi a vendere in tutto il mondo.

Leggi ora

3. Come configurare i pagamenti multivaluta e offrire pagamenti in valute locali

Ora che avete aperto il vostro negozio online e scelto i mercati su cui puntare per vendere all’estero, è arrivato il momento di configurare i pagamenti multivaluta e offrire pagamenti nelle valute locali dei vostri clienti: farlo con Shopify è semplicissimo! Cominciamo con la configurazione dei pagamenti multivaluta.

Il requisito principale per abilitare i pagamenti multivaluta è attivare Shopify Payments come elaboratore dei pagamenti sul vostro negozio online. Seguite questi passaggi per completare l’operazione:

  1. Dalla dashboard di Shopify, andate su Impostazioni > Pagamenti.
  2. Nella sezione Shopify Payments, cliccate su Gestisci.
  3. Nella sezione Paesi/regioni, cliccate su Aggiungi paese/regione.
  4. Selezionate il paese o la regione che desiderate supportare dall'elenco "Paesi e regioni supportati", quindi cliccate su Aggiungi paese/regione.
  5. A questo punto, per consentire ai clienti di scegliere la valuta da utilizzare, inserite un selettore di valuta nel tema del vostro negozio. Il modo più semplice per farlo è installare l’app gratuita Geolocation di Shopify, che oltre ad aggiungere al footer del negozio online un selettore ad hoc per permettere ai clienti di scegliere lingua e paese, offre suggerimenti su lingua e paese in base alla posizione geografica e alla lingua del browser o dispositivo del cliente.

Ora i clienti potranno visualizzare i prezzi del negozio, pagare gli ordini al momento del check-out e ricevere rimborsi nella loro valuta locale. Inoltre, potete scegliere di convertire i prezzi automaticamente, utilizzando il tasso di cambio di mercato attuale, o manualmente, utilizzando un tasso di cambio personalizzato. Se utilizzate il piano Shopify o superiore, potete anche personalizzare i prezzi in base al paese o regione configurando i prezzi internazionali.

Un ulteriore aspetto da considerare è se includere o escludere le imposte in base al paese del cliente. Ad esempio, mentre in Europa i prezzi mostrati sono generalmente comprensivi di tasse e imposte applicabili, i clienti americani si aspettano di vedere separatamente prezzo del prodotto e imposte. Il nostro consiglio è quello di documentarvi sulle abitudini del paese in cui volete vendere all’estero e adattarvi di conseguenza per offrire un’esperienza ancora più localizzata.

Ora scopriamo come offrire i metodi di pagamento locali ai vostri clienti. Secondo una nostra ricerca, abilitare i metodi di pagamento locali sul vostro negozio può aumentare le conversioni fino al 2,9%. Shopify Payments include di default alcuni metodi di pagamento locali, tra cui Klarna, Sofort e iDEAL, quindi non dovrete far altro che abilitarli.

4. Come configurare i domini internazionali in base al paese

Ora che avete configurato i pagamenti multivaluta e i metodi di pagamento locali, il prossimo passo verso l’internazionalizzazione del vostro negozio online è localizzare l'esperienza utente configurando specifici domini internazionali.

I domini internazionali, oltre ad incrementare la fiducia dei clienti verso il vostro brand, aumentano anche la probabilità che gli acquirenti paghino nella loro valuta senza dover compiere operazioni manuali. Questo perché potrete configurare i prezzi e le lingue predefinite per ogni mercato a cui intendete rivolgervi.

Per esempio, se il vostro negozio si chiama “SaraAbitiPremaman.com” e volete vendere in Svizzera, potete configurare i domini internazionali in modo che gli acquirenti vedano “SaraAbitiPremaman.ch” (ccTLD, dominio di primo livello) o “ch.SaraAbitiPremaman.com” (sottodominio).

Se non siete sicuri se utilizzare un ccTLD o un sottodominio, vi consigliamo di cominciare con un sottodominio per non incorrere in spese aggiuntive. Se utilizzate un dominio gestito da Shopify, potete aggiungere un sottodominio direttamente dalla dashboard. Per i domini di terze parti, fate riferimento alla loro documentazione per la configurazione, e poi collegate il vostro sottodominio a Shopify. Una volta che il vostro nuovo dominio è collegato su Shopify, impostate i prezzi e le lingue predefinite nella sezione Domini della dashboard.

Completata questa procedura, gli acquirenti che visitano un dominio locale vedranno automaticamente i prezzi nella loro valuta locale. Inoltre, Shopify si occupa automaticamente della SEO per conto vostro, impostando i tag hreflang su ciascuno dei vostri domini. In questo modo, Google e gli altri motori di ricerca possono capire quale dominio si riferisce a un determinato paese o regione, permettendo agli acquirenti di vedere il dominio giusto e i prezzi nei risultati di ricerca.

5. Come tradurre la lingua del vostro negozio online

Per vendere all’estero in modo efficace, è fondamentale abbattere qualsiasi tipo di barriera linguistica. Analogamente ai prezzi e alla valute locali, quasi l'80% degli acquirenti internazionali preferisce navigare in un negozio ecommerce disponibile nella lingua nativa, rendendo un negozio tradotto un potente strumento per aumentare le vendite internazionali. La buona notizia? Con Shopify non è necessario aprire più negozi localizzati per offrire un'esperienza di acquisto multi-lingue!

Per iniziare, sfogliate la nostra collezione di app per la traduzione. Queste app si collegano direttamente alla sezione Lingue del vostro negozio Shopify, dove gestirete la traduzione dei vostri contenuti. La maggior parte delle app offre un periodo di prova gratuito di 7-14 giorni, quindi prendetevi tutto il tempo per provarle e scegliere la vostra preferita. Una volta selezionata e installata l’app di traduzione, attivate la lingua in cui volete tradurre il vostro negozio dalla sezione Lingue del negozio della dashboard (Impostazioni > Lingue del negozio).

Ora siete pronti per iniziare a tradurre i vostri contenuti utilizzando l’app che avete installato. Se conoscete la lingua del paese in cui volete vendere, potete occuparvene in prima persona. In alternativa, potete utilizzare uno strumento di traduzione automatica come DeepL, soprattutto se avete un budget ridotto o volete semplicemente testare un nuovo mercato, contattare un esperto Shopify o rivolgervi a un traduttore freelance. Quest’ultima opzione è fortemente consigliata nel caso in cui un nuovo mercato si riveli particolarmente promettente: per quanto le traduzioni automatiche abbiano fatto passi da gigante negli ultimi anni, il tocco umano e il valore aggiunto di un traduttore professionista saranno subito riconoscibili dai vostri clienti internazionali.

Quali contenuti tradurre per vendere all’estero? Innanzitutto concentratevi sulle pagine ad alto traffico, come la homepage, le pagine prodotto, le domande frequenti e le informazioni legali o termini di servizio. Inoltre, non dimenticate di tradurre anche le mail automatiche che vengono inviate ai clienti in seguito all’ordine, ad esempio la conferma di pagamento o spedizione.

Una volta completata la traduzione in una determinata lingua, assicuratevi di renderla disponibile per il relativo dominio internazionale tornando alla sezione Domini e impostandola come predefinita o come opzione di lingua. Per quanto riguarda la SEO, anche in questo caso Shopify si occuperà di tutto impostando i tag hreflang corretti per ogni nuova lingua pubblicata, e l'app Geolocation che avete precedentemente installato consentirà agli acquirenti di passare facilmente da una lingua all'altra.

6. Strategie di marketing per vendere all’estero

La pubblicità è un modo efficace per generare traffico internazionale verso il vostro negozio e testare allo stesso tempo l’esperienza locale offerta ai clienti.

Qualunque sia il canale su cui intendete fare pubblicità, è importante creare campagne specifiche per ogni paese, rivolte specificamente agli acquirenti internazionali, e indirizzarli alla versione localizzata del vostro sito. Rimuovere l'attrito per gli acquirenti è particolarmente importante, soprattutto per coloro che visitano il vostro negozio da un nuovo paese o regione per la prima volta. Prestate particolare attenzione alla duplicazione delle campagne online preesistenti se intendete riutilizzarle in nuovi paesi o regioni, perché potrebbero non essere efficaci per il pubblico di destinazione o indirizzare alla versione non localizzata del vostro negozio.

Per esempio, su Facebook Business Manager, dividete gli annunci che si rivolgono ai nuovi clienti in diverse campagne. Localizzate testi (una tattica efficace è quella di richiamare la spedizione veloce al paese di destinazione), immagini, e assicuratevi che gli URL di destinazione riflettano i domini internazionali che avete impostato per ogni mercato.

Facebook è solo uno dei tanti esempi da considerare. Assicuratevi di investire il tempo necessario per localizzare la vostra pubblicità su ciascuno dei canali online che utilizzate per acquisire clienti. Se sfruttate il retargeting dinamico su piattaforme come Facebook, Google o Pinterest, assicuratevi che queste campagne siano localizzate in base alle preferenze dei vostri acquirenti, mostrando loro prezzi e lingua locali. Per farlo, è necessario creare un feed di prodotto Shopify che supporti più valute e lingue per visualizzare sia gli stessi prezzi che le preferenze del vostro negozio online. Vi consigliamo di consultare app come DataFeed Watch o Multiple Google Shopping feeds se cercate una soluzione adatta a Google.

Conclusioni

L’obiettivo di Shopify è rendere il commercio internazionale più accessibile a tutti, a cominciare dal rendere più semplice per i negozi indipendenti vendere all’estero. Per ulteriori informazioni sulle vendite internazionali, vi suggeriamo di consultare la sezione dedicata del nostro Centro Assistenza: Vendita internazionale. Buone vendite globali!


Pronto per aprire il tuo negozio online e vendere in tutto il mondo? Inizia la tua prova gratuita di 14 giorni con Shopify. Non serve la carta di credito.


Argomenti: